rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Condotte colabrodo / Centro città / Via Cicerone

Siccità: sempre meno acqua, ma quella poca che c'è si perde nel bosco

Nell'area verde che è accessibile dalla parte alta alla fine di via Cicerone il prezioso liquido scorre non a rigagnoli. E non sembrerebbe essere una perdita dell'ultim'ora visto che nelle adiacenze ci sono delle tubature e perfino un pozzetto di sfiato. Nessuno scavo indica però l'avvio del cantiere

"Ripristineremo il dissalatore di Porto Empedocle", ma anche il vademecum sulle buone pratiche per risparmiare l'acqua: "Evitate di fare il bagno e preferite la doccia". Se la Regione, con il presidente Renato Schifani, ha deciso e chiesto - quale conseguenza del lungo periodo di siccità e rilevante riduzione delle riserve di acqua in tutta la Sicilia, lo stato d'emergenza nazionale che dovrà essere approvato dal Consiglio dei ministri, il sindaco di Agrigento Franco Micciché s'è detto pronto - una vera e propria provocazione - a rinunciare al titolo di Capitale italiana della cultura 2025

Crisi idrica senza precedenti, l'annuncio shock di Miccichè: “Pronto a rinunciare al titolo di Capitale italiana della cultura 2025”

“Limitare la dispersione idrica”, l’impegno di Aica per fronteggiare la crisi: ecco la mappa degli interventi

L'acqua sicuramente scarseggia. E non soltanto a causa del cambiamento climatico. Questo è risaputo. Ma quella poca che c'è si perde. Si disperde per strada, allagando e infiltrandosi anche nelle fondamenta di immobili. L'Aica, cercando di fronteggiare la crisi idrica, sta cercando di correre ai ripari per rattoppare le falle ed evitare che gli sprechi continuino. Gli interventi, secondo quanto annunciato negli scorsi giorni, andranno avanti per limitare il più possibile le perdite visto il momento di criticità.  

Turni idrici sempre più lunghi, ma l'acqua esce dai muri: "Segnalato il problema un anno fa"

Cittadini costretti a ridurre il consumo di acqua ma dalle condotte colabrodo gli sprechi sono all'ordine del giorno: la segnalazione

L’acqua si disperde in via Madonna delle Rocche, Capodici di Adiconsum: “Nessun intervento nonostante le segnalazioni”

Ma, ad Agrigento, l'acqua si disperde anche nei boschi: in quello sotto la Rupe Atenea per la precisione. Nell'area che è accessibile dalla parte alta alla fine di via Cicerone. E probabilmente il prezioso liquido arriva proprio dalla Rupe. 

Una grossa falla che, nonostante gli ultimi giorni di gran caldo, tiene in una sorta di pantano il terreno che scende verso valle. Dispersione idrica che non sembrerebbe essere proprio dell'ultim'ora. E questo perché nelle adiacenze ci sono delle tubature e perfino un pozzetto di sfiato. Nessuno scavo indica l'avvio del cantiere per la manutenzione e riparazione. Quasi come se ci si fosse dimenticati di quella grossa perdita. Acqua ce n'è poca è vero. Ma quella che c'è si lascia scorrere e disperdere anche in mezzo al bosco. 

Ecco come si perde l'acqua sotto la Rupe Atenea

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siccità: sempre meno acqua, ma quella poca che c'è si perde nel bosco

AgrigentoNotizie è in caricamento