Martedì, 23 Luglio 2024
Indagini della Forestale / Santo Stefano Quisquina

L'incendio di S. Stefano Quisquina, il bilancio della devastazione: distrutti 10 ettari di bosco, mandorleti ed uliveti privati

La quantifica economica dei danni, se mai sarà possibile, è ancora in corso

Sono dieci, o poco più, gli ettari di bosco - composto da alberi di pino ed eucalipti - di proprietà del Demanio Forestale che sono stati devastati dal gigantesco incendio divampato domenica a Santo Stefano Quisquina. Ma è andata distrutta anche un'altra area demaniale, di diversi ettari, di macchia Mediterranea e numerosi (la quantifica è ancora in corso) terreni privati coltivati ad uliveto e mandorleti. A distanza di ore dall'inferno di fuoco e fumo - sviluppatesi nelle contrade Buonanotte, Santa Croce, Valle del Sangue, Rocca, Margimuto e Finocchiara - il bilancio di quella che è stata un'autentica devastazione ambientale è in fase di ultimazione. Ed è forse ancor più grave di quanto era apparso ieri. 

A livello economico, se mai sarà possibile, il danno è ancora in corso di quantificazione.    

L'incendio di S. Stefano Quisquina: appiccato in più punti, il sindaco: "Hanno sfregiato il nostro patrimonio"

Vasto incendio nelle campagne di Santo Stefano Quisquina, a rischio il teatro Andromeda

L'incendio, a quanto pare appiccato in più punti del comprensorio di Santo Stefano Quisquina, è stato completamente domato soltanto nella mattinata di ieri. Ad operare, per ore ed ore, sono stati gli uomini della Forestale e dei vigili del fuoco di Agrigento. La Procura della Repubblica ha aperto un fascicolo d'inchiesta a carico di ignoti e delle indagini si stanno già occupando gli uomini della Forestale.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'incendio di S. Stefano Quisquina, il bilancio della devastazione: distrutti 10 ettari di bosco, mandorleti ed uliveti privati
AgrigentoNotizie è in caricamento