Martedì, 16 Luglio 2024
Giurisprudenza

"Si fecero consegnare soldi e cellulari dai migranti promettendo il traino", il Riesame: fu pirateria

Il tribunale si è così pronunciato, su ricorso della Procura, dopo che il gip aveva qualificato questi comportamenti criminali come estorsione aggravata

E' stata pirateria. Anche la consegna del denaro e dei cellulari in cambio del traino del barchino, per fare avvicinare i migranti a Lampedusa, è stata un'attività di pirateria e non di estorsione per come l'aveva qualificata il gip del tribunale di Agrigento. Lo ha stabilito il tribunale del Riesame di Palermo, al quale la Procura di Agrigento con l'aggiunto Salvatore Vella e il pm Gaspare Bentivegna, ha fatto ricorso.

Barchino carico di migranti derubato prima del motore e poi di soldi e cellulari: pm e gip al lavoro fra "pirateria" ed "estorsione aggravata"

Il caso è quello, di fine luglio scorso, del fermo (fatto da Squadra Mobile, Guardia di finanza e Guardia costiera) del comandante di un motopesca tunisino e dei 3 componenti dell'equipaggio che, in acque internazionali, rubarono il motore del barchino con a bordo 40 migranti e si fecero consegnare, in cambio della promessa di traino del natante fino a Lampedusa, i cellulari e i soldi che i profughi avevano in tasca.

Il gip di Agrigento, Iacopo Mazzullo, allora riconobbe l'attività di pirateria nella sottrazione del motore, fatto con violenza e minacciando con coltelli i migranti. La consegna di cellulari e denaro avvennero come una sorta di contrattazione e per questo la rapina di soldi e cellulari furono qualificati come estorsione aggravata, reato su cui, essendo avvenuto in acque internazionali, la Procura non ha alcuna giurisdizione. Per il Riesame "gli atti di depredazione rientrano nell'articolo 1135 del codice della navigazione".

Pescatori tunisini diventati "pirati", il procuratore Vella: "Indagini difficili, servono gli interpreti"

Pirateria contro i migranti davanti alle coste di Lampedusa: arrestati quattro pescatori

"Estromettere dal campo applicativo del reato di pirateria le condotte che nel tradizionale inquadramento del codice penale sono qualificabili in termini di estorsione appare un'interpretazione arbitraria dell'articolo 1135 del codice della navigazione". Lo ha scritto il tribunale del Riesame di Palermo, e sono parole che faranno giurisprudenza, in merito al caso, di fine luglio, per cui il gip di Agrigento aveva qualificato come estorsione l'attività criminale di 4 tunisini che si erano fatti consegnare soldi e cellulari dai 40 migranti che erano stati prima derubati del motore del barchino con il quale viaggiavano verso Lampedusa. Il Riesame, ritenendo condivisibili le osservazioni dei pm di Agrigento, ha richiamato la convenzione delle Nazioni unite sul diritto del mare stipulata a Montego Bay nel 1982. "Tale disposizione - scrive il collegio - definisce come pirateria anche gli atti illeciti di violenza o di sequestro, fra i quali possono ben ricomprendersi anche condotte qualificabili come estorsive. Si intende per pirateria, fra l'altro ogni atto illecito di violenza o di sequestro o ogni atto di rapina commesso ai fini privati dall'equipaggio o dai passeggeri di una nave o di un aeromobile privato".

"Condivisibili le considerazioni svolte dai pm nel ricorso - prosegue il collegio -, secondo cui l'articolo 1135 del codice della navigazione ha inteso superare la distinzione tra rapina ed estorsione, tipica del codice penale, punendo con un'unica fattispecie le predette condotte".

La Procura di Agrigento, con l'aggiunto Salvatore Vella, già lo scorso luglio, aveva annunciato una interlocuzione con il tribunale del Riesame e con la Cassazione, "per parametrare meglio e creare giurisprudenza in Italia, stabilendo cosa è pirateria e cosa non lo è - aveva detto - . Fermo restando che si tratta di condotte sempre delittuose".

In Italia, c'è un'unica sentenza su un episodio di pirateria che è avvenuto al largo della Somalia diverso tempo fa.

Quei continui furti di motori ai barchini carichi di migranti: ecco come i pescatori tunisini si sono trasformati in pirati

Naufragi e barchini alla deriva, c'è una nuova e allarmante pratica: sempre più furti di motori delle "carrette" in navigazione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Si fecero consegnare soldi e cellulari dai migranti promettendo il traino", il Riesame: fu pirateria
AgrigentoNotizie è in caricamento