rotate-mobile
Regione

Operai assegnati alla Forestale e avvio della campagna di prevenzione e salvaguardia dei beni culturali

Scarpinato: "Considerando gli eventi critici dello scorso anno, caratterizzati da temperature elevate e incendi devastanti, stiamo avviando una serie di misure per garantire l’integrità del nostro patrimonio storico e artistico"

Gli operai forestali, con garanzia occupazionale di 151 giornate lavorative, saranno assegnati esclusivamente alle attività antincendio del corpo Forestale. È quanto prevede una circolare del dipartimento regionale del Lavoro in seguito a un accordo con il comando, il dipartimento dello Sviluppo rurale e le organizzazioni sindacali. "Con questo provvedimento – dichiara l'assessore regionale al Lavoro Nuccia Albano – consolidiamo il contingente per il contrasto dei roghi e, allo stesso tempo, facciamo in modo che gli operai abbiano un solo datore di lavoro, ovvero il Corpo Forestale, dando così continuità alla loro opera. Si attuano, così, le norme sul rafforzamento delle misure antincendio per evitare, come già accaduto in passato, che nel periodo estivo, nel quale si registrano più incendi, il numero degli operai forestali sia esiguo e non riesca a sopperire alle centinaia di richieste di intervento che arrivano da tutta la Sicilia. Dobbiamo mettere in campo tutte le misure possibili per difendere e conservare il patrimonio boschivo e tutelare le aree protette della nostra regione, salvaguardando l'incolumità pubblica".

All'assegnazione degli operai provvederanno i centri per l'impiego siciliani in base alle richieste presentate dal corpo Forestale e dal dipartimento dello Sviluppo rurale entro il 12 aprile, in modo da permettere la selezione entro il 17 dello stesso mese.

Beni culturali, avviata campagna di prevenzione incendi 

L'assessorato dei Beni culturali e dell'identità siciliana, in vista dell'approssimarsi della stagione estiva, ha predisposto l'avvio della campagna di prevenzione e salvaguardia dagli incendi nei luoghi della cultura. L'assessore Francesco Paolo Scarpinato ha dato mandato al dirigente generale del dipartimento dei Beni culturali, a tutti i soprintendenti e ai direttori dei parchi archeologici, dei musei, delle gallerie, dei centri e delle biblioteche regionali, di mettere in atto tutti gli interventi necessari a garantire la sicurezza dei siti soggetti a rischio incendio.

"Considerando gli eventi critici dello scorso anno, caratterizzati da temperature elevate e incendi devastanti, stiamo avviando una serie di misure preventive per garantire l’integrità del nostro patrimonio storico e artistico – afferma Scarpinato –. La tutela dei beni culturali deve essere una priorità fondamentale per tutti, per questo confidiamo anche nell’impegno e nella sensibilità di ogni singolo individuo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operai assegnati alla Forestale e avvio della campagna di prevenzione e salvaguardia dei beni culturali

AgrigentoNotizie è in caricamento