rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Festa della polizia 2024

"Hanno salvato bimbi e migranti e guerreggiato contro spaccio e traffico di armi": ecco chi sono i poliziotti premiati

La celebrazione dei 172 anni è, come da tradizione, il momento buono per consegnare i riconoscimenti al personale in servizio alla Questura che si è particolarmente distinto in attività di servizio

Droga, droga, droga. La quotidiana, e spesso in sordina, "guerra" contro lo spaccio di stupefacenti. Ma anche i soccorsi che hanno permesso di salvare dal fuoco i migranti all'hotspot e bambini nelle loro abitazioni. Gli aiuti - anche in questo caso veri e propri salvataggi - a donne vittime di maltrattamenti. E poi le inchieste che hanno portato alla luce i responsabili di omicidi o tentati delitti, la detenzione e porto illegale di armi da guerra o dello sfruttamento della prostituzione. La celebrazione dei 172 anni dalla fondazione della polizia è stato, come da tradizione, il momento buono per consegnare i riconoscimenti al personale in servizio alla Questura di Agrigento, coordinata dal questore Tommaso Palumbo, che si è particolarmente distinto in attività di servizio.

Festa della polizia 2024, l'appello del questore: "La sicurezza è un processo che si costruisce insieme"

Festa della polizia 2024, ecco i premiati

Più tentati omicidi, violenze sessuali ed estorsioni, calano invece furti e rapine

Ecco gli insigniti di quest'anno e il perché

Encomio all'assistente capo coordinatore Carmelo Calogero Licata e all'assistente capo Salvatore Gaetano Attardo che "evidenziando spiccate qualità professionali, si distinguevano in un'operazione di soccorso pubblico conclusa con lo spegnimento di un focolaio di incendio sviluppatosi all'interno dell'hotspot di Lampedusa, la messa in sicurezza del sito e il soccorso di un cittadino in stato di pericolo". Lampedusa, 12 luglio 2018.

Encomio solenne all'assistente capo Alfonso Valerio Tornabene che "evidenziando spiccate qualità professionali e non comune determinazione operativa espletava un'attività di soccorso pubblico che consentiva di trarre in salvo 3 bambini bloccati all'interno della loro abitazione a causa di un incendio di vaste proporzioni". Porto Empedocle, 25 giugno 2019. 

Encomio al sovrintendente Mariano Cipriano che "evidenziando spiccate qualità professionali espletava un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto di due soggetti resisi responsabili di coltivazione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente di tipo marijuana". Licata, 11 settembre 2019.

Lode concessa ai vice ispettori Giuseppe Argento e Antonio Minacori che "evidenziando qualità professionali, espletava un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto di due soggetti resisi responsabili di coltivazione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente di tipo marijuana". Licata, 11 settembre 2019.

La polizia festeggia il suo anniversario: la cerimonia al Palacongressi

 

Encomio solenne all'agente Gero Caci che "evidenziando spiccate qualità professionali e non comune determinazione operativa partecipava a un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sacerdote della Diocesi di Piazza Armerina, indagato per violenza sessuale su minore e atti sessuali con minorenni". Enna, 27 aprile 2021. 

Encomio all'ispettore Paolo Bonfiglio perché "evidenziando spiccate qualità professionali, espletava un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto in flagranza di reato di un soggetto resosi responsabile di coltivazione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente". Licata, 17 settembre 2019.

Lode all'ispettore Vincenzo Piacenti perché "evidenziando qualità professionali, coordinava un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto in flagranza di reato di un soggetto resosi responsabile di coltivazione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente". Licata, 17 settembre 2019.

Lode all'ispetore Marco Incorvaia e al sovrintendente Massimo Giovanni Bianchi che "evidenziando qualità professionali, espletavano un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto in flagranza di reato di un soggetto resosi responsabile di coltivazione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente". Licata, 17 settembre 2019.

Encomio al sostituto commissario Giambattista Vella che "evidenziando spiccate qualità professionali, coordinava un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto, in flagranza di reato, di un soggetto resosi responsabile di coltivazione, ai fini di spaccio, di stupefacenti di tipo marijuana". Canicattì, 20 settembre 2019.

Lode concessa al vice questore aggiunto Sergio Carrubba che "evidenziando qualità professionali, dirigeva un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto, in flagranza di reato, di un soggetto resosi responsabile di coltivazione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente di tipo marijuana". Canicattì, 20 settembre 2019.

Lode concessa all'ispettore Giuseppe Cammalleri che "evidenziando qualità professionali, coordinava un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto in flagranza di reato di un soggetto resosi responsabile di coltivazione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacent di tipo marijuana". Canicattì, 20 settembre 2019.

Lode al vice sovrintendente Emilio Bianchi che "evidenziando qualità professionali, espletava un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto in flagranza di reato di un soggetto resosi responsabile di coltivazione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana". Canicattì, 20 settembre 2019.

Lode concessa al commissario Maurizio Carusotto e al vice ispettore Salvatore Stelvio Cipriano che "evidenziando qualità professionali, coordinava un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto di 4 soggetti resisisi responsabili di gravi e reiterati reati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e il deferimento all'autorità giudiziaria di 49 persone per reati connessi". Palma di Montechiaro, 9 ottobre 2019.

Lode all'assistente capo Angelo Aquilino che "evidenziando qualità professionali, espletava un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto di 4 soggetti resisi responsabili di gravi e reiterati reati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e il deferimento all'autorità giudiziaria di 49 persone per reati connessi". Palma di Montechiaro, 9 ottovre 2019.

Lode al vice ispettore Roberto Amoroso e al vice sovrintendente Giuseppe Seminerio che "evidenziando qualità professionali, espletavano un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto di un pluripregiudicato agli arresti domiciliari resosi responsabile di maltratttamenti contro familiari". Agrigento, 6 novembre 2019.

Encomio al vice ispettore Alfonso Riina che "evidenziando spiccate capacità professionali ed operative, espletava un'attività di soccorso pubblico che consentiva di condurre in salvo un uomo che aveva posto in essere un gesto anticonservativo". Agrigento, 4 luglio 2020.

Encomio solenne al sovrintendente Francesco Aleo che "evidenziando spiccate capacità professionali, intuito investigativo e non comune determinazionne operativa, espletava un'attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto, in esecuzione di un'ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, di 3 soggetti ritenuti, a vario titolo, responsabili di aver cagionato la morte nel 2011, di un uomo, dapprima attingenfolo con colpi d'arma da fuoco e infine colpendolo reiteratamente al capo con il calcio della pistola". Fiuminicino (Roma), 24 novembre 2020.

Encomio agli ispettori Enrico Guadagnoli e Giovanni Marino che "evidenziando elevate capacità professionali e intuito investigativo coordinavano un'attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto, in esecuzione di un'ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, nei confronti di 3 soggetti ritenuti, a vario titolo, responsabili di aver cagionato la morte, nel 2011, di un uomo dapprima attingendolo con colpi d'arma da fuoco e infine colpendolo reiteratamente al capo con il calcio della pistola". Fiumicino (Roma), 24 novembre 2020.

Lode al sovrintendente Massimo Anitra e all'assistente Gaspare Sirrao che "evidenziando capacità professionali e impegno, espletavano un'attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto, in esecuzione di un'ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, nei confronti di 3 soggetti ritenuti, a vario titolo, responsabili di aver cagionato la morte, nel 2011, di un uomo dapprima attingendolo con colpi d'arma da fuoco e infine colpendolo reiteratamente al capo con il calcio della pistola". Fiumicino, 24 novembre 2019.

Encomio solenne ai vice ispettorre Gaetano Mulè, Pierfilippo Calabrese e all'assistente capo coordinatore Giovanni Balistreri che "evidenziando spiaccate capacità professionali e non comune intuito investigativo, espletavano un'articolata attività di polizia giudiziaria di rilievo transnazionale che si concludeva con l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 7 soggetti, operanti tra l'Italia e il Belgio, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di omicidio e tentato omicidio, importazione, trasporto, detenzione e cessione di stupefacenti, porto e detenzione illegale in luogo pubblico di armi da guerra e altro". Agrigento, 15 dicembre 2020.

Encomio all'ispettore Alessandro Licata che "evidenziando spiaccate capacità professionali e non comune intuito investigativo, espletavano un'articolata attività di polizia giudiziaria di rilievo transnazionale che si concludeva con l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 7 soggetti, operanti tra l'Italia e il Belgio, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di omicidio e tentato omicidio, importazione, trasporto, detenzione e cessione di stupefacenti, porto e detenzione illegale in luogo pubblico di armi da guerra e altro". Agrigento, 15 dicembre 2020.

Encomio al vice ispettore Andrea Lo Vetro che "evidenziando spiaccate capacità professionali e non comune intuito investigativo, espletavano un'articolata attività di polizia giudiziaria di rilievo transnazionale che si concludeva con l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 7 soggetti, operanti tra l'Italia e il Belgio, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di omicidio e tentato omicidio, importazione, trasporto, detenzione e cessione di stupefacenti, porto e detenzione illegale in luogo pubblico di armi da guerra e altro". Agrigento, 15 dicembre 2020.

Lode agli ispettori Orazio Tomarchio e Vincenzo Territo che "evidenziando qualità professionali, coordinavano un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto di due soggetti e la denuncia in stato di libertà di altri due individui resisi responsabili rispettivamente dei reati di tentato omicidio e spaccio di stupefacenti". Agrigento, 27 dicembre 2019.

Lode agli assistenti capo coordinatore Adriano Salamone ed Ezio Antonello D'Ambra che "evidenziando qualità professionali, espletavano un'operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l'arresto di due soggetti e la denuncia di altri 2 individui resisi responsabili rispettivamente dei reati di tentato omicidio e spaccio di stupefacenti". Agrigento, 27 dicembre 2019.

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Hanno salvato bimbi e migranti e guerreggiato contro spaccio e traffico di armi": ecco chi sono i poliziotti premiati

AgrigentoNotizie è in caricamento