rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Palacongressi

Festa della polizia 2024, l'appello del questore: "La sicurezza è un processo che si costruisce insieme"

Tommaso Palumbo: "Quando pensate a noi, guardateci come attori protagonisti che partecipano con voi al 'processo sicurezza'. Facciamo inoltre in modo che la legalità permei l'organizzazione degli eventi di Agrigento capitale italiana della cultura"

"Si dice spesso che la polizia di Stato produca uno specifico prodotto immateriale: la sicurezza. Un prodotto richiesto da tutti, che muta a seconda del contesto territoriale e temporale. Contesto che la polizia è chiamata a interpretare per implementare strategie e tattiche operative e organizzative finalizzate alla realizzazione di quel prodotto a beneficio dei cittadini: la sicurezza. Ma la sicurezza non è un prodotto. La sicurezza è un processo. Un processo che deve necessariamente permeare tutti gli ambiti in cui il vivere civile si declina. Un processo in cui tutti siamo chiamati a sentirci coinvolti: cittadini e istituzioni, facendo coincidere la cultura della sicurezza con la cultura della legalità". È con queste parole che Tommaso Palumbo, "emozionato" per sua stessa ammissione perché quella di oggi è stata la sua prima festa della polizia come questore alla prima sede di assegnazione, ha richiamato gli agrigentini a un ragionamento che talvolta sfugge. Perché la sicurezza, sempre e legittimamente reclamata, non è "un prodotto" a esclusivo appannaggio della polizia e delle altre forze dell'ordine. 

Più tentati omicidi, violenze sessuali ed estorsioni, calano invece furti e rapine

La polizia festeggia il suo anniversario: la cerimonia al Palacongressi

"Noi della polizia di Stato siamo chiamati per primi a prestare la nostra opera, nella duplice veste di cittadini e poliziotti, promuovendo la cultura della legalità con l'esempio del nostro corretto operato e con la testimonianza nelle sedi deputate: le scuole in primo luogo dove la polizia partecipa a interventi formativi - ha spiegato Palumbo, che è alla guida della questura di Agrigento da 5 mesi, - . Considerare la sicurezza pubblica come un processo vuol dire che essa non può essere ottenuta attraverso un singolo intervento o una misura isolata, ma richiede un approccio olistico che consideri molteplici fattori. E la prevenzione del crimine, da parte della polizia, è solo uno di questi. Ma tra i tanti fattori, la costruzione di relazioni virtuose tra noi e le comunità è sicuramente il più importante. E in questo, la sinergia con tutti i sindaci della provincia è essenziale. Sinergia di cui sono testimone e che, nel mio pur breve periodo di permanenza dal mio insediamento, vedo crescere ogni giorno e di cui sono grato". 

"Costruzione di relazioni virtuose tra noi e le comunità significa che le strategie di sicurezza pubblica devono essere costantemente valutate, aggiornate e adattate alle mutevoli sfide e alle esigenze emergenti, anche e soprattutto attraverso il coinvolgimento attivo dei cittadini e delle organizzazioni della comunità, nella promozione della sicurezza e nella prevenzione del crimine" - ha ragionato, soffermandosi sul concetto di "sicurezza efficace e inclusiva", il questore Tommaso Palumbo - .  "Contrastare la mafia e, in genere, tutti i fenomeni criminosi non può e non deve essere considerato come un'esclusiva azione, un prodotto, della polizia e della altre forze nel reprimere singole fattispecie criminali. Lo stesso vale per i cosiddetti reati dei 'colletti bianchi', per la droga, per gli odiosi fenomeni criminosi che aggrediscono le fasce deboli: le donne e i minori. E allo stesso modo per i reati ambientali che offendono il meraviglioso territorio della nostra provincia - ha spiegato Palumbo durante il discorso tenuto al Palacongressi dove è in corso la celebrazione del 172esimo anniversario dalla fondazione della polizia - . Ci avviciniamo ad un periodo di estrema importanza per questa terra: Agrigento capitale italiana della cultura 2025. Facciamo in modo che la cultura della sicurezza e la cultura della legalità permeino tutti i processi che porteranno all'organizzazione degli eventi. Decliniamo quindi Agrigento capitale italiana della cultura a 360 gradi". Ed infine l'appello, fatto in maniera accorata: "Quando pensate a noi, non guardateci come coloro che devono fornire semplicemente un prodotto, ma come attori protagonisti che partecipano insieme a voi al 'processo sicurezza' nella piena legalità, declinando insieme a cittadini e istituzioni il nostro 'esserci sempre'. Esserci sempre, insieme alla gente, insieme per la gente". 

"Hanno salvato bimbi e migranti e guerreggiato contro spaccio e traffico di armi": ecco chi sono i poliziotti premiati

Festa della polizia 2024, ecco i premiati

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della polizia 2024, l'appello del questore: "La sicurezza è un processo che si costruisce insieme"

AgrigentoNotizie è in caricamento