Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Cercansi strutture e traghetto per migranti: la Prefettura dirama gli avvisi, si allontana l'ipotesi della nave quarantena

In vista dell'estate e dei sistematici sbarchi "fantasma", l'ufficio territoriale del Governo si sta attrezzando. E lo sta facendo anche per evitare che, fra i cittadini, si inneschino ulteriori motivi di allarme sociale

AAA cercansi idonee strutture ricettive per il servizio di accoglienza dei migranti che dovranno restare in isolamento sanitario o in quarantena. A pubblicare l'avviso esplorativo e urgente è stata la Prefettura di Agrigento. La notizia, dell'avviso esplorativo ed urgente, è stata diramata 24 ore dopo la videoconferenza fatta dal prefetto e dal questore con i rappresentanti istituzionali di Siculiana, sindaco Leonardo Lauricella in testa. Ma c'è anche un'altra "ricerca" che la Prefettura sta effettuando. Quella di un vettore marittimo deputato al trasferimento dei migranti che giungono sull'isola di Lampedusa e che devono essere trasferiti in Sicilia, nell'ambito dell'emergenza sanitaria determinata dal Covid-19.

Sbarchi di migranti e Covid, garante libertà e ministro: "No a quarantena infinita"

Quei tanti barchini che approdano indisturbati, Carmina: "Dov'è la nave quarantena? Perché è a Palermo?"

I due avvisi esplorativi, di fatto, non sembrano lasciare alcuna speranza all'eventualità di una nave quarantena posta in rada di Lampedusa o di Porto Empedocle. In vista dell'estate e dei sistematici sbarchi "fantasma", la Prefettura però si sta attrezzando. E lo sta facendo anche per evitare che, fra i cittadini, si inneschino ulteriori motivi di allarme sociale.

Verrà individuata una nave che si occuperà, dunque, del trasferimento dei migranti che approdano a Lampedusa e che devono essere spostati - specie se nell'hotspot di contrada Imbriacola ci sono già extracomunitari in quarantena - in Sicilia. Questi gruppi di profughi verranno poi, appunto, ospitati in una struttura idonea dove rimarranno in isolamento sanitario o quarantena.

Emergenza Covid e sbarchi, il medico fisiatra: "Una bomba ad orologeria" 

Così facendo, dovrebbe tornare a non servire Villa Sikania di Siculiana, né l'hotel Tiziana di Porto Empedocle. Strutture che hanno ospitato, e nel caso di Siculiana ospitano ancora, gruppi di immigrati sbarcati proprio a Lampedusa. Accoglienza che - in tempi di Covid-19 - ha fatto sollevare un agguerrito coro polemico e, a Siculiana, una protesta sui-generis con pentole, tamburi e stoviglia. 

"Gli operatori economici interessati potranno presentare la propria manifestazione di interesse e l'offerta economica entro il termine delle ore 9 del 24 aprile" - hanno scritto dalla Prefettura di Agrigento per entrambi gli avvisi esplorativi - . 

"Alle autorità abbiamo chiesto di far arrivare a chi di dovere l'istanza di una nave quarantena da collocare in rada a Lampedusa o a Porto Empedocle perché l’estate è ormai alle porte e gli sbarchi ci saranno, come è sempre stato!” - ha reso noto il sindaco di Siculiana, Leonardo Lauricella, a margine della videoconferenza (svoltasi nella giornata di ieri) fra le istituzioni di Siculiana, prefetto e questore di Agrigento. Prima ancora, attraverso i social, l'esigenza era stata sollevata dal sindaco di Porto Empedocle, Ida Carmina. Da quando è scoppiata la doppia emergenza Covid-immigrazione, continua a chiedere una nave quarantena, da collocare in rada di Lampedusa, il sindaco Salvatore Martello. 

Migranti a Villa Sikania, il sindaco: "La quarantena dei 70 ospiti non sarà vanificata"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cercansi strutture e traghetto per migranti: la Prefettura dirama gli avvisi, si allontana l'ipotesi della nave quarantena

AgrigentoNotizie è in caricamento