rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Le cifre

Condizionatori e climatizzatori sempre più indispensabili, ecco la guida per risparmiare ... anche sui consumi

Per l'acquisto si va dai 250 ai 3000 euro, poi c'è l'installazione e infine la spesa in bolletta. Tutti i dettagli

Con le prime giornate calde, decisamente fuori stagione, scatta il desiderio di acquistare un condizionatore d'aria. Per la casa, per il luogo di lavoro, ormai si tratta di uno degli elettrodomestici indispensabili. Si calcola che quasi un italiano su due ne possegga uno attaccato alle pareti di casa, se non di più. In Sicilia e ad Agrigento - dove d'estate si raggiungono picchi di calore africani - in tanti si stanno attrezzando. Il prezzo di un climatizzatore può variare tra i 250 e i 3000 euro. Il costo dell'intervento tecnico è definito in base alle ore di lavoro: mediamente per una installazione standard sono necessarie dalle 2 alle 4 ore, per un compenso medio di 150 - 350 euro.

Secondo un'indagine condotta da Segugio.it, un condizionatore di classe energetica A ha un consumo di elettricità pari a circa 160 Kwh l’anno, un modello di classe C consuma invece sui 260 Kwh l’anno. I condizionatori delle classi energetiche meno efficienti arrivano a consumare più di 430 Kwh l’anno, con costo in bolletta tra 25 e 70 euro. Per capire quanto "pesa" un condizionatore in bolletta bisogna analizzare alcuni parametri. I principali indicatori da tenere sotto controllo sono: classe energetica dell’apparecchio; costo medio dell’energia; tempo di utilizzo giornaliero.

Mettendo insieme questi dati, pertanto, si potrà giungere a una stima di massima del consumo. Per capire quanto consuma un condizionatore in euro, bisogna introdurre il concetto di prezzo medio di un Kwh di energia. Si tratta della cosiddetta "componente energia", il parametro che viene pubblicizzato maggiormente dai fornitori. Insieme ad altre componenti (imposte, spese per il trasporto e la gestione dei contatori) va a formare il costo che poi vedi segnalato in bolletta. Al momento, il prezzo medio è di 0,157 euro/Kwh.

Considerando questo, ipotizziamo l’utilizzo di un condizionatore con un consumo energetico stimato di 1.000 W. Ciò significa che se lo si tiene acceso sei ore al giorno (considerato sempre un costo al Kwh di 0,157 €/Kwh), la spesa sarà di 0,942 euro. In ogni caso, il valore cambia a seconda della situazione analizzata.

Esistono fondamentalmente due tipi di condizionatori-climatizzatori in commercio: condizionatore fisso, condizionatore portatile. A sua volta, ciascun modello di condizionatore, fisso o portatile che sia, ha diversa potenza e diversa classe energetica. Da cosa dipende il consumo di un condizionatore? Il consumo di un condizionatore dipende da diversi fattori, che andrebbero sempre verificati prima dell’acquisto. Ecco un elenco dei principali: tipologia (fisso o portatile); potenza; classe energetica; presenza o meno di tecnologia inverter. Quanto consuma un condizionatore all’ora è una domanda che può trovare risposta consultando la scheda dell'apparecchio. In particolare, si deve ricercare il dato relativo al consumo energetico massimo e minimo in modalità di raffreddamento. Nella maggioranza dei casi viene indicato un range di potenza, ad esempio da 300 a 1.200 W. Per convertirlo nella quantità di energia consumata in Kwh basterà dividere queste cifre per 1.000. Nel nostro esempio, l'energia elettrica consumata ogni ora varierà quindi da un minimo di 0,3 a un massimo di 1,2 Kwh. Molto dipende da come si usa, in che ore del giorno e della notte e con quali condizioni interne ed esterne al locale da rinfrescare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condizionatori e climatizzatori sempre più indispensabili, ecco la guida per risparmiare ... anche sui consumi

AgrigentoNotizie è in caricamento