rotate-mobile
Controlli / Villaggio Peruzzo

Senza licenza, né partita iva da anni: scoperto chiosco abusivo, nei guai fruttivendolo

I militari delle Fiamme gialle hanno anche proceduto al sequestro di circa 800 chili di frutta e verdura che sono stati poi donati ad enti caritatevoli della città dei Templi

Senza licenza e privo di partita iva da alcuni anni. Totalmente abusivo dunque, nonostante avesse un’attività commerciale ben allestita nel quartiere del Villaggio Peruzzo. Ad accertarlo sono stati i militari della Guardia di finanza che hanno denunciato l’agrigentino, alla Procura, per occupazione abusiva di suolo pubblico. Il chiosco è stato totalmente smantellato e lo stato dei luoghi è stato ripristinato. I militari delle Fiamme gialle hanno anche proceduto al sequestro di circa 800 chili di frutta e verdura che sono stati poi donati ad enti caritatevoli della città dei Templi.

E’ da mesi e mesi ormai che i finanzieri portano avanti una vera e propria battaglia contro l’abusivismo edilizio. In alcuni punti della città, come nel rione del campo sportivo, i commercianti ambulanti sono scomparsi, o quasi. In altre zone, come al Quadrivio Spinasanta o al Villaggio Mosè, sembrerebbero essere stati ridimensionati. Lo scorso giugno risultavano essere almeno una quindicina i sequestri, e altrettante le sanzioni, effettuati dall’inizio dell’anno dai militari della Guardia di finanza nei confronti dei venditori ambulanti di frutta e verdura. Commercianti che erano soliti piazzarsi, quasi sempre nello stesso punto della città, senza avere però nessuna autorizzazione al commercio e meno che mai per l’occupazione del suolo pubblico. Questa volta, il controllo ha riguardato non un vero e proprio ambulante, ma un esercente che – almeno apparentemente – sembrava essere in regola. La verifica mirata ha appunto permesso d’accertare che l’esercente non aveva alcuna licenza per il commercio, né la partita iva. E “naturalmente” occupava l’area comunale in maniera abusiva.

Codacons dopo le sanzioni: "La legge vale veramente per tutti?"

La Guardia di finanza sta cercando, e lo fa in silenzio, di debellare il fenomeno dell’abusivismo commerciale e di ripristinare – grazie a controlli su controlli – la legalità. Sulle strade della città sono, di fatto, rimasti in pochissimi a vendere frutta e verdura, infischiandosene delle regole.

Le attività di controllo dei militari delle Fiamme gialle hanno riguardato non soltanto il Quadrivio Spinasanta, il Villaggio Mosè e l’area di via Manzoni, ma anche la via Imera e la zona di piazzale Fratelli Rosselli. Ed adesso, appunto, anche il rione del Villaggio Peruzzo.

I commercianti, trovati appunto senza licenza, vengono sanzionati e tutti i prodotti di stagione posti in vendita vengono sequestrati. La merce – frutta e verdura – che viene ritenuta idonea al consumo umano, da parte dei sanitari dell’Asp, viene donata in beneficienza ad istituti caritatevoli. Quello che invece non è stato ritenuto idoneo al consumo è stato conferito in discarica. Ma oltre al sequestro di frutta e verdura, scattano anche le denunce penali in caso di occupazione abusiva di suolo pubblico. (*CR*)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza licenza, né partita iva da anni: scoperto chiosco abusivo, nei guai fruttivendolo

AgrigentoNotizie è in caricamento