Lunedì, 15 Luglio 2024
Sanit

"Vogliamo un vero pronto soccorso": l'arcivescovo sostiene la petizione lanciata sui social

Alfonso Cartanillica, che da tanti anni gestisce "Satira agrigentina", promuove una raccolta di firme che raccoglie 800 adesioni in un giorno. Il consiglio pastorale lo appoggia e annuncia un corteo del Cartello sociale

Un cittadino - il noto promotore e "anima" di "Satira agrigentina" Alfonso Cartanillica - lancia una petizione on line per sollecitare le istituzioni a garantire dei servizi sanitari efficienti. La raccolta di firme, dal nome "Vogliamo un vero pronto soccorso", raccoglie ben 800 adesioni in un giorno e trova un endorsement di eccezione nell'arcivescovo Alessandro Damiano.

"Come Consiglio Pastorale Diocesano - si legge in una nota - esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza a tutti gli eccellenti operatori sanitari che lavorano in condizioni limite dal punto di vista strutturale ed organizzativo. Abbiamo appreso della petizione proposta da un cittadino, Alfonso Cartannilica, che incoraggiamo. Siamo consapevoli che questi strumenti non abbiano effetto deliberativo ma abbiamo la speranza che possano sensibilizzare l'opinione pubblica e i governanti nelle scelte politiche".

L'organismo diocesano, che cita Papa Francesco e l'insegnamento di occuparsi dei fragili e di chi soffre, ricorda inoltre che il prossimo 17 giugno, a piazza Cavour, alle 9,30, ci sarà una manifestazione voluta dal Cartello sociale di Agrigento, che raggruppa diocesi e sindacati, per chiedere "maggiore attenzione verso la sanità e dire no alla privatizzazione del servizio sanitario per cui invitiamo tutti - si legge sempre nella nota - ad essere presenti".

"Ringrazio l'arcivescovo di Agrigento monsignor Alessandro Damiano - scrive Cartanillica sulla sua pagina Facebook - e il consiglio pastorale diocesano di Agrigento da lui presieduto che hanno espresso il loro appoggio per la mia petizione sul pronto soccorso di Agrigento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vogliamo un vero pronto soccorso": l'arcivescovo sostiene la petizione lanciata sui social
AgrigentoNotizie è in caricamento