rotate-mobile
L'inchiesta / Centro Storico / Salita Iacono

Il mistero di salita Iacono: sentiti amici e conoscenti dello studente cinese, sempre più concreta l'ipotesi del suicidio

Le audizioni andranno avanti anche oggi. Di fatto, i militari dell’Arma e i pm stanno sentendo tutti a tappeto, senza tralasciare nessun dettaglio

Per l’intera giornata di ieri, ma si proseguirà anche oggi, carabinieri e pm hanno sentito – praticamente a tappeto – tutti coloro che conoscevano lo studente cinese. Sulla base delle prime attività investigative, sviluppate fino a tarda notte domenica, ha preso corpo l’ipotesi che si sia trattato di un suicidio. La salma del ventenne è stata portata alla camera mortuaria dell’ospedale “San Giovanni di Dio” dove, nei prossimi giorni, verrà effettuata, secondo quanto disposto dalla Procura di Agrigento, l’autopsia. E spetterà proprio all’esame – voluto dal procuratore capo, facente funzioni, Salvatore Vella, e dal pm Cecilia Baravelli – tentare di fare chiarezza su quanto al B&B – affittacamere di salita Iacono, nel centro storico.

Il ragazzo - iscritto all'Accademia delle Belle Arti “Michelangelo” di Agrigento e residente in città da circa un anno - è stato ritrovato, con un coltello da cucina conficcato nel petto, nel pomeriggio di domenica. Ad intervenire, primi fra tutti, sono stati i carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile e i vigili del fuoco del comando provinciale. Ad allertare i militari dell’Arma sono stati un paio di connazionali del giovane. Non riuscivano a rintracciarlo, non lo vedevano da giorni ed erano preoccupati. Aperta la porta, ad opera dei pompieri, è stata accertata la tragedia: lo studente cinese era sul letto, a quanto pare vestito come sempre, con un coltello da cucina appunto conficcato nel petto.

Subito è scattato l’allarme e sul posto sono accorsi i soccorritori del 118, ma anche decine e decine di carabinieri. Fino a sera, domenica, si parlava di mistero: le cause del decesso non sembravano affatto chiare. Nessuna ipotesi veniva di fatto esclusa. Poi, con il passare delle ore, i carabinieri – accertando che non c’erano segni di effrazione né sulla porta, né nelle finestre e ascoltando chi abita nella zona che non ha sentito urla, né rumori sospetti – hanno iniziato, appunto, a privilegiare l’ipotesi di un suicidio.

Le audizioni di amici e conoscenti del giovane andranno avanti anche oggi. Di fatto, i militari dell’Arma e i pm stanno sentendo tutti i conoscenti a tappeto, senza tralasciare nessun dettaglio. Sentiti, inevitabilmente, anche i suoi compagni di corso, e i docenti, dell’Accademia Belle arti “Michelangelo” dove, ieri, tutti erano praticamente sconvolti per la tragedia registratasi nell’affittacamere vicino al monastero Santo Spirito. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mistero di salita Iacono: sentiti amici e conoscenti dello studente cinese, sempre più concreta l'ipotesi del suicidio

AgrigentoNotizie è in caricamento