"Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Il "branco" - composto anche da due ragazze - è stato bloccato, dalla polizia, in esecuzione di un'ordinanza d'applicazione di misure cautelari: 2 sono stati portati al Malaspina di Palermo e altri due sono stati collocati in comunità

(foto ARCHIVIO)

Calci, pugni, colpi di casco e coltellate. Brutale ferocia da parte di un "branco" - composto da 5 giovanissimi - nei confronti di due extracomunitari: un egiziano e un tunisino. I due feriti - tutto avvenne un giorno dello scorso febbraio - vennero portati all'ospedale "San Giacomo d'Altopasso". Per uno, in maniera particolare, i medici si adoperarono con estrema celerità per salvargli la vita, sottoponendolo a più interventi chirurgici. I poliziotti del commissariato di Licata, coordinati dal commissario capo Sonia Zicari, nella giornata di ieri, hanno arrestato quattro minorenni. Fra loro anche due ragazze.

Gli agenti hanno dato esecuzione alle misure cautelari della custodia in carcere (sono stati accompagnati al Malaspina di Palermo) per due indagati e del collocamento in comunità per altri due. La struttura dove sono stati collocati è stata individuata dalla direzione dei centri per la giustizia minori. Sono accusati di concorso in tentato omicidio e lesioni personali gravi. Ipotesi di reato aggravate dall'utilizzo di un coltello.  

Il pestaggio di due immigrati, Galanti e Russotto: "No al razzismo e alla violenza"

Tutto è avvenuto lo scorso febbraio. Quel giorno vennero aggrediti - con ingiustificata ferocia - i due immigrati. I quattro ragazzini, in concorso con un quinto che non è stato ancora identificato, si sarebbero scagliati - con calci, pugni, colpi di casco e coltellate - contro i due migranti. 

I giovanissimi, oltre che di tentato omicidio, sono indagati - sempre in concorso tra loro - per aver portato fuori dalla propria abitazione senza giustificato motivo due coltelli.

Non è chiaro - ammesso che ve ne possa essere uno - il motivo della brutale aggressione. La polizia parla di motivazioni futili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento