Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

Secondo le testimonianze già acquisite dai carabinieri, la matrice del rogo sarebbe accidentale: pare che la fiammata iniziale abbia avuto origine da una spina elettrica che è andata in cortocircuito

Le fiamme altissime visibili a distanza

I danni sono ingenti. Parte del parco giochi "Giokolandia" di Aragona è stato distrutto da fiamme altissime. In via Rosario Livatino, nel centro del paese, è stato un continuo via vai di vigili del fuoco e carabinieri. Non ci sono stati danni alle persone, ma la paura - per tutti gli abitanti della zona - è stata veramente tanta. 

I pompieri del comando provinciale di Agrigento hanno impiegato poco meno di un'ora ad avere la meglio sulle alte fiamme, che erano visibili anche a parecchia distanza. Il rogo ha trovato infatti "terreno fertile" nelle attrezzature di plastica del parco giochi che è sempre stato punto di ritrovo non soltanto per  i bambini di Aragona, ma anche per tutti quelli dei Comuni del circondario.

incendio giocolandia-3

Delle indagini si stanno occupando i carabinieri della stazione di Aragona. Pare che la scintilla iniziale abbia avuto origine - stando a quanto apprende AgrigentoNotizie - da una spina elettrica che sarebbe andata in cortocircuito. I militari dell'Arma pare che abbiano già acquisito più testimonianze in tal senso. L'incendio avrebbe avuto dunque una matrice accidentale, ma si sarebbe ben presto esteso inghiottendo tutte le attrezzature che ha trovato lungo il percorso. Il rogo ha provocato danni pesantissimi per i proprietari del famoso parco giochi, area prescelta dai più piccol anche per feste di compleanno.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento