rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Ambiente

Pizzicato a gettare i rifiuti dentro i mastelli di altri cittadini, multa annullata: serviva un provvedimento del sindaco

Il Libero consorzio, nonostante lo "zozzone" non abbia nemmeno fornito una risposta scritta, ha archiviato il provvedimento

E' stato beccato dalle foto trappole della Polizia municipale di Agrigento mentre conferiva i propri rifiuti in mastelli di altre utenze, ma la multa che gli era stata elevata è stata annullata perché è stata fatta dal soggetto sbagliato.

La vicenda, burocraticamente parlando, è "raccontata" dall'albo pretorio del Libero consorzio, ente competente per le sanzioni di tipo ambientale.

I fatti risalgono al 2019, quando appunto l'uomo venne sorpreso, dopo essere sceso dalla propria auto, a lasciare spazzatura all'interno dei mastelli di altre persone, violando una ordinanza sindacale del 2018. Così la polizia locale ha fatto scattare la multa, che però oggi è stata formalmente archiviata dall'ex Provincia, nonostante lo "sporcaccione" non abbia prodotto nemmeno osservazioni.

Il motivo? La violazione riguardava un'ordinanza comunale, quella che stabiliva le modalità di uso dei mastelli, e quindi serviva un provvedimento del sindaco, non una sanzione della polizia locale, che agisce invece per violazioni ad esempio ai regolamenti o alle norme.

Quindi tutto annullato e nessuna sanzione da pagare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pizzicato a gettare i rifiuti dentro i mastelli di altri cittadini, multa annullata: serviva un provvedimento del sindaco

AgrigentoNotizie è in caricamento