Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca San Leone

Musica ad alto volume e auto davanti ai cancelli, raffica di chiamate al 113

Le vetture posteggiate in malo modo sono state fatte rimuovere dal carro attrezzi, per il disturbo della quiete pubblica i poliziotti hanno fatto le loro constatazioni e le hanno trasmesse alla squadra amministrativa

Musica ad alto volume e auto posteggiate davanti ai cancelli d'ingresso delle villette.  Ad "intasare" di telefonate la centrale operativa della polizia di Stato - il 113 - sono state, nella notte fra sabato e ieri, le richieste di intervento dei residenti di San Leone. Tutti segnalavano: “Musica e frastuono insopportabile". Ma diversi agrigentini hanno chiesto “aiuto” anche perché non riuscivano ad entrare o ad uscire dalle proprie villette. Sia dove c’erano i divieti di sosta che dove non ve ne erano, risultavano posteggiate – ostruendo, appunto, gli ingressi – delle autovetture.

Ad accorrere sono stati i poliziotti della sezione "Volanti" della Questura di Agrigento che, nel caso dell’auto posteggiate malamente, si sono anche “improvvisati” vigili urbani. I poliziotti delle “Volanti” non hanno potuto far altro che chiamare, in quattro o cinque casi, il carro attrezzi facendo appunto liberare gli ingressi delle villette situate lungo il viale Delle Dune.

Gli agenti della Questura che hanno, di fatto, calmato l'ira e l'esasperazione dei residenti di San Leone – delle zone dove sorgono i locali pubblici – hanno constatato se effettivamente o meno la musica, provenienti dai locali, era ad alto volume. Tutte le constatazioni fatte dai poliziotti della sezione "Volanti" sono state già trasmesse alla "Pasi", ossia alla squadra amministrativa della stessa Questura. Spetterà dunque a questa sezione stabilire se dovranno essere elevate o meno delle sanzioni.

L’estate è ormai arrivata e di fatto, anche a San Leone, è riesplosa la "guerra fredda" fra residenti e gestori dei locali serali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica ad alto volume e auto davanti ai cancelli, raffica di chiamate al 113
AgrigentoNotizie è in caricamento