rotate-mobile
L'intervento

E' morto l'angelo dei poveri Biagio Conte, Cuffaro: "Ci lascia in eredità il suo amore per le persone"

Il commissario regionale della Dc: "Ha incarnato la parte più buona, più umana e misericordiosa di una società distratta e di un tempo inseguito dalla disumanità"

"Piangiamo e preghiamo per l’amico fraterno Biagio Conte, ha incarnato la parte più buona, più umana e misericordiosa di una società distratta e di un tempo inseguito dalla disumanità. Fratello Biagio non è più fisicamente tra noi, ma non ci ha lasciati. Non abbraccerà più i suoi poveri, ma è sempre con loro. Noi, fratelli di Biagio, dobbiamo essere fratelli dei suoi fratelli poveri. La 'Missione Speranza e Carità' è la casa di Biagio e, se vogliamo che lui viva ancora, deve essere la nostra casa e i suoi poveri, i nostri fratelli". A dirlo è il commissario regionale della Dc, Totò Cuffaro subito dopo la morte di Biagio Conte, fondatore della Missione Speranza e Carità.

E' morto Biagio Conte, l'angelo dei poveri: Palermo piange il missionario laico che aiutò gli ultimi

"Ci lascia in eredità il suo amore per le persone, la sua speranza per la pace, la sua carità per gli ultimi. Ci lascia in dono la sua fede - aggiunge -. Accettiamo il suo testamento spirituale, ereditiamo Fratello Biagio e i suoi insegnamenti, facciamolo continuare ad abbracciarci e a spargere sorrisi. Facciamo vivere quello che ci ha lasciato, facciamo vivere il suo sogno. Biagio resta un segno importante che il Divino ha voluto darci. Coltiviamolo".

Il presidente della Regione: "Ci ha ricordato che la carità è condizione essenziale"

"Esprimo le mie più sentite condoglianze ai familiari di fratel Biagio Conte, agli assistiti e ai volontari della sua Missione. Oggi il missionario ci ha lasciati dopo giorni di sofferenza, ma il suo ricordo resterà indelebile. Con il suo impegno quotidiano e instancabile in favore degli ultimi, ci ha ricordato come, per ogni cristiano, la carità sia una condizione essenziale della propria esistenza umana e attuazione concreta della propria fede. Consapevole che la sua perdita lascia un vuoto incolmabile, posso solo affermare che il suo esempio sarà più vivo che mai nell'ispirare le mie personali azioni di solidarietà verso il prossimo e quelle del mio governo». Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani, appresa la notizia della morte di Biagio Conte, fondatore della Missione Speranza e Carità a Palermo.

Biagio Conte. Il cordoglio dei deputati PD all’Ars: portiamo avanti la sua missione

“Sarà il messaggio di fratellanza  e solidarietà donato all’umanità intera a colmare il  grande vuoto che la scomparsa di Biagio Conte  inevitabilmente lascia soprattutto in chi lo ha conosciuto e gli è stato accanto fino agli ultimi istanti.  Portare avanti l’opera che ha iniziato  al servizio degli ultimi, sostenendo la missione ‘Speranza e Carità’ da lui fondata,  sarà il modo migliore per continuare a far vivere una delle figure più carismatiche che Palermo abbia mai conosciuto”.

Lo dicono il capogruppo Michele Catanzaro ed i  parlamentari  regionali del gruppo PD all’Ars  Anthony Barbagallo, Giovanni Burtone, Valentina Chinnici, Antonello Cracolici, Nello Dipasquale, Mario Giambona, Calogero Leanza, Dario Safina, Tiziano Spada, Fabio  Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto l'angelo dei poveri Biagio Conte, Cuffaro: "Ci lascia in eredità il suo amore per le persone"

AgrigentoNotizie è in caricamento