rotate-mobile
Indagini / Menfi

Quattro cani avvelenati e uccisi in un terreno, medico nel mirino?

Gli animali erano stati adottati dall'oncologo che li teneva nella sua abitazione: l'ipotesi su cui i carabinieri cercano di fare chiarezza è che possa trattarsi di un'intimidazione

Quattro cani di proprietà di un oncologo di Menfi sono stati avvelenati e uccisi. Gli animali sono stati trovati all'interno del terreno di contrada Cinquanta, di proprietà dell'oncologo.

L'episodio è stato denunciato ai carabinieri che, adesso, indagano per accertare se si è trattato di un'intimidazione o di un gesto sconsiderato nei confronti degli animali come già è accaduto in passato nella zona. Al momento l'ipotesi privilegiata è che si tratti di un avvertimento nei confronti del professionista.

I quattro cani erano stati adottati dall’oncologo qualche anno fa e poi microchippati. 

L'intervento del sindaco: "Violenza da condannare"

"L'amministrazione comunale, nel condannare ogni gesto di violenza contro persone e animali,  esprime solidarietà all'amico e, conoscendo e apprezzando la sua sensibilità e il suo amore verso i cani, è a lui vicina in questo particolare momento dolore". Lo ha scritto il sindaco di Menfi, Vito Clemente, sulla propria pagina facebook a proposito dell'uccisione dei cani del medico. 

(Aggiornato alle 10,40) 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro cani avvelenati e uccisi in un terreno, medico nel mirino?

AgrigentoNotizie è in caricamento