rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
L’intervento / Lampedusa e Linosa

Migranti: vice sindaco Lampedusa, basta emergenza

Dibattito sull'eventualità di aprire un centro di trattenimento: "Senza il consenso dell'amministrazione comunale e del popolo nessuna azione verrà intrapresa sul nostro territorio"

"Senza il consenso dell'amministrazione comunale e del popolo  di Lampedusa e Linosa nessuna azione verrà intrapresa sul nostro territorio. E' cambiato il mio modo di esternare la mia opinione, ma non le mie idee". Lo ha detto il vice sindaco delle Pelagie, Attilio Lucia (Lega), in merito all'eventualità di aprire un centro di
trattenimento direttamente sulla più grande delle isole Pelagie.

Mercoledì scorso, il prefetto Valerio Valenti, commissario per l'emergenza migranti, durante la conferenza stampa tenuta all'hotspot dopo che il primo giugno la gestione è passata alla Croce Rossa italiana, ha detto chiaramente che "il dipartimento adesso vorrà traguardare anche altri obiettivi. Il primo, condiviso a livello europeo, è realizzare un più rapido rimpatrio dei soggetti che non hanno titolo a rimanere sul territorio, quindi la realizzazione di centri di trattenimento".

E non ha escluso "che uno, il primo, si possa fare anche sull'isola". "Certi rumors parlano di un ipotetico e fantascientifico complotto che l'amministrazione comunale in accordo col governo centrale stia tramando alle spalle della popolazione delle Pelagie.- ha detto Lucia - . Sono sempre stato e sempre sarò al fianco della popolazione, pronto a difendere i diritti dei miei concittadini che da troppo tempo soffrono in silenzio il problema dell'immigrazione. Sono pronto ad usare tutti gli strumenti per salvaguardare il diritto dei lampedusani a vivere in sicurezza e senza perenne emergenza". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti: vice sindaco Lampedusa, basta emergenza

AgrigentoNotizie è in caricamento