rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca

Gestione servizio idrico, il direttivo Ati punta sulla Spa a capitale pubblico

La scelta dovrà adesso passare al vaglio dell'assemblea e dei singoli consigli comunali: la strada è quindi molto lunga

La decisione non è definitiva, ma è l'inizio di un percorso: il direttivo dell'Ati dopo lunghe tribolazioni si è infatti determinato scegliendo come forma di gestione del servizio idrico futuro la Spa a capitale pubblico.

Il Coordinamento Titano va all'attacco: "Il direttivo si dimetta se non vuole affrontare i problemi"

A chiedere, invece, la gestione attrverso un'azienda consortile speciale pubblica erano stati alcuni componenti dello stesso direttivo (che infatti non ha visto un voto univoco) e soprattutto le associazioni per l'acqua pubblica che da tempo sostengono questo percorso indicandolo come l'unico capace di garantire una piena pubblicità del servizio.

Servizio idrico, i sindacati chiedono garanzie sul personale a rischio esubero

Adesso la proposta dovrà passare al vaglio dell'Assemblea e poi dal voto dei singoli consigli comunali, con tempi quindi di effettiva realizzazione complessiva estremamente lunghi, nell'ordine di diversi mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestione servizio idrico, il direttivo Ati punta sulla Spa a capitale pubblico

AgrigentoNotizie è in caricamento