Gestione servizio idrico, il direttivo Ati punta sulla Spa a capitale pubblico

La scelta dovrà adesso passare al vaglio dell'assemblea e dei singoli consigli comunali: la strada è quindi molto lunga

(foto ARCHIVIO)

La decisione non è definitiva, ma è l'inizio di un percorso: il direttivo dell'Ati dopo lunghe tribolazioni si è infatti determinato scegliendo come forma di gestione del servizio idrico futuro la Spa a capitale pubblico.

Il Coordinamento Titano va all'attacco: "Il direttivo si dimetta se non vuole affrontare i problemi"

A chiedere, invece, la gestione attrverso un'azienda consortile speciale pubblica erano stati alcuni componenti dello stesso direttivo (che infatti non ha visto un voto univoco) e soprattutto le associazioni per l'acqua pubblica che da tempo sostengono questo percorso indicandolo come l'unico capace di garantire una piena pubblicità del servizio.

Servizio idrico, i sindacati chiedono garanzie sul personale a rischio esubero

Adesso la proposta dovrà passare al vaglio dell'Assemblea e poi dal voto dei singoli consigli comunali, con tempi quindi di effettiva realizzazione complessiva estremamente lunghi, nell'ordine di diversi mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento