Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Coronavirus, nel giorno del V-day accertati 682 nuovi casi in Sicilia (28 in provincia): altri 15 morti

Poco più di 5 mila i tamponi eseguiti nel giorno di Santo Stefano, 14 gli ingressi registrati nei reparti di terapia intensiva (174 i posti letto occupati in tutto), 1.027 (+13 rispetto a ieri) i pazienti che hanno avuto bisogno di ricorrere alle cure in ospedale

Altri 682 casi di Coronavirus accertati in Sicilia nelle 24 ore precedenti al V-day, il giorno in cui sono state iniettate le prime dosi di vaccino. Questi gli ultimi dati contenuti nel consueto bollettino diffuso dal ministero della Salute per monitorare l’andamento dell’epidemia in tutta Italia. Nell’isola sono stati effettuati e processati 5.630 tamponi, con un tasso di positività che passa da 8,3 a 12,11%. Quindici i pazienti deceduti: le vittime del Covid-19 in Sicilia diventano 2.298.

La distribuzione nelle province vede Catania 92, Palermo 197, Messina 195, Ragusa 14, Trapani 29, Siracusa 55, Agrigento 28, Caltanissetta 10, Enna 62. 

Salgono i ricoveri negli ospedali siciliani di pazienti che hanno manifestato i sintomi del virus e passano da 1.014 a 1.027 (+13). Sono 14 gli ingressi registrati nella giornata di ieri nei reparti di terapia intensiva, per un totale di 174 posti letto occupati (rispetto a 170 di ieri). Il numero degli attuali positivi si attesta a 33.167 (-123 rispetto ai dati diffusi a Santo Stefano), ma sale anche il numero delle persone dimesse poiché guarite (54.151, con un incremento di 790 unità).

Con 1.188.827 tamponi eseguiti dall'inizio del monitoraggio ad oggi, sono stati scoperti complessivamente 89.616 contagi. Ad oggi risultano in isolamento domiciliare 31.966 persone (-140 rispetto a ieri). Il numero degli attuali positivi è di 33.167.
 

Il report completo in formato pdf

Bollettino dati Coronavirus Palermo Sicilia 27 dicembre 2020-2

Vaccinati i primi 50 medici | VIDEO

V-day, prime dosi di vaccino iniettate al Civico

Le prime fiale del vaccino realizzato da Pfizer sono state somministrate agli operatori sanitari del Civico, tra i quali il primario del pronto soccorso Massimo Geraci. Il collega che dirige il reparto di Oncologia, Francesco Gervasi, ha dichiarato: "Oggi inizia la più grande operazione di vaccinazione di massa della storia dell’umanità, dico a tutti di farlo”.

Dopo l’iniezione il dottore Geraci, tranquillizzando i presenti sull’assenza di reazioni allergiche o altro al virus, ha detto: "Non concepisco il fatalismo di alcuni colleghi. Chi ha visto sulla propria pelle gli effetti del virus non può non considerare l'importanza di questa giornata. Ma non dobbiamo abbassare la guardia, manterremo gli stessi principi di cautela. Abbiamo avuto 36 colleghi che sono stati colpiti dal virus.

Vaccinata anche una "nonnina" in una Rsa

Sono state complessivamente 30, come da programma, le dosi di vaccino anti Covid somministrate oggi pomeriggio su altrettante persone che operano o sono ospitate nella Rsa 'Buon Pastore' di Palermo. Nello specifico il farmaco è stato inoculato a 25 ospiti e 5 operatori. La più anziana tra i neo vaccinati è stata una 93enne: l’anziana donna ha reagito benissimo. Oltre ai sanitari della Rsa sono intervenuti gli operatori del Dipartimento di prevenzione dell'Asp di Palermo. Il vaccino è giunto nella residenza sanitaria scortato dai carabinieri del Nas.

I dati dal resto d'Italia

L'epidemia di coronavirus in Italia: il bollettino di oggi, domenica 27 dicembre 2020. Sono 8.913 i contagi da Covid 19 resi noti in Italia oggi, 27 dicembre, secondo i dati contenuti nel bollettino della Protezione Civile diffuso dal ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 305 morti che portano il totale a 71.925 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia. Da ieri sono stati eseguiti altri 59.879 tamponi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, nel giorno del V-day accertati 682 nuovi casi in Sicilia (28 in provincia): altri 15 morti

AgrigentoNotizie è in caricamento