Domenica, 14 Luglio 2024
Servizio idrico

Aica, mancano all'appello oltre 4 milioni di euro, il cda scrive ai sindaci: "Pagate"

Il consiglio di amministrazione si è rivolto ai sindaci sollecitando anche il versamento delle quote straordinarie dovute

Pronti a pagare per ripianare il "buco" nei bilanci di Aica. E' questo il messaggio che il cda della società ha rivolto ai sindaci dei comuni consorziati. Tutto è contenuto in un documento dal nome incontrovertibile: proposta ai Comuni soci ripianamento perdite gestione anno 2021-2022.

Un atto che segue l'approvazione del bilancio fatta nei giorni scorsi che appunto certifica un ammanco di risorse dovuto all'aumento dei costi per l'energia elettrica e a quanto necessario per pagare l'acqua all'ingrosso e che "bussa" alle porte dei primi cittadini, anche a coloro che in questi due anni hanno fatto "orecchie da mercante" rispetto al versamento straordinario del contributo extra previsto dalla Regione proprio per garantire la fase di start up della società pubblica.

Adesso il cda propone di "richiedere ai Comuni partecipanti di procedere, stante la delicata situazione economica/finanziaria, al ripianamento delle perdite di gestione 2021 e 2022 dell’Aica, che nella sua attività ha registrato un disavanzo, versando l’importo complessivo di € 4.336.549,36  pro-quota" e "di dare atto che i Comuni partecipanti che non hanno aderito alla erogazione straordinaria pro-quota, devono provvedere al versamento della stessa con gli importi massimi determinati in ragione della popolazione residente".

Il pagamento delle somme dovute per ripianare il disavanzo di Aica sarà appunto suddiviso sul numero di abitanti, quindi più grandi sono i Comuni più doranno sborsare.

"La predetta somma - concludono dal Cda - contribuirà a dare la liquidità occorrente per il pagamento dei fornitori del servizio energetico e scongiurare il rischio del mercato della salvaguardia allo scadere dell’attuale convenzione Consip".

La vicenda dovrà adesso approdare in assemblea Aica e solo dopo l'approvazione da parte dei sindaci potrà arrivare nei Consigli comunali perché il debito venga votato. Questo potrebbe avvenire con non pochi "mal di pancia". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aica, mancano all'appello oltre 4 milioni di euro, il cda scrive ai sindaci: "Pagate"
AgrigentoNotizie è in caricamento