rotate-mobile
Cronaca

Aica, un buco nell'acqua? Perdite per oltre 4 milioni di euro, a pagare saranno i Comuni

Il Cda ha deliberato lo strumento finanziario 2022, che adesso approderà in assemblea dei sindaci

Adesso non c'è più da aspettare una relazione sul punto né si possono tirare in ballo tecnicismi: Aica, la società di gestione del servizio idrico in provincia di Agrigento, certifica perdite per oltre 3 milioni e 400mila euro nel proprio bilancio e queste somme saranno, come prevedibile, a carico dei Comuni soci.

A deliberare lo strumento finanziario per l'anno 2022 è stato nei giorni scorsi il Cda, che poche settimane fa aveva appunto chiesto agli uffici di comprendere se quanto denunciato già mesi fa dall'allora commissario Fiorella Scalia fosse vero, cioè se la società aveva ammanchi rilevanti derivanti in larghissima - o quasi totale - parte dall'aumento dei costi dell'energia elettrica.

Perdite che, dice il consiglio di amministrazione, si potranno  tamponare tramite il prossimo piano di investimenti ma che vanno nell'immediato ripianate "attraverso trasferimenti correnti dei comuni".

Questo non solo per logica, ma per uno specifico punto dello statuto della società stessa. Uno dei motivi per cui, quando si dibatteva della forma di gestione da preferire, qualcuno sconsigliava la consortile pubblica per mettere al sicuro i Comuni da costi e perdite. Vani furono i tentativi di puntare su una società invece pubblica a capitale privato. 

Adesso il documento finanziario dovrà arrivare in assemblea dei sindaci per essere votato e, verosimilmente, non macheranno le scintille.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aica, un buco nell'acqua? Perdite per oltre 4 milioni di euro, a pagare saranno i Comuni

AgrigentoNotizie è in caricamento