Giornalista morta di malaria, quel viaggio in Nigeria con un sogno nel cuore: costruire una scuola

Loredana Guida, morta a 44 anni di malaria, voleva percorrere la strada della raccolta fondi coinvolgendo la Chiesa e il Rotary club

Loredana Guida

Quel viaggio in Nigeria lo aveva tanto sognato e progettato. Con qualche collega ed amica aveva parlato di quel desiderio: “Mi piacerebbe visitare il Sudan, la Nigeria” – diceva - . Poco prima dello scorso Natale, quel sogno s’era trasformato in realtà. Loredana Guida, insegnante in un istituto scolastico di Canicattì e giornalista, era partita, con una comitiva di amici, proprio per la Nigeria. Era stata a Lagos e subito dopo le festività era rientrata nella sua Agrigento. E con se, nel cuore, aveva riportato a casa un sogno: voleva far nascere – in Nigeria - una scuola, magari anche con il servizio di scuolabus.

Morta di malaria a 44 anni dopo una vacanza in Nigeria

Sarebbe dunque ritornata presto in Africa. O almeno quello sperava. Perché, nel suo cuore e anche in alcuni suoi appunti, l’idea era già concreta e avrebbe, verosimilmente molto presto, coinvolto anche la Chiesa e il Rotary. Voleva percorrere la strada della raccolta fondi e poi, appunto, dare ai piccini della Nigeria – attraverso la creazione di un istituto scolastico – una possibilità di crescita e sviluppo. Perché Loredana Guida, oltre al giornalismo, amava anche l’essere diventata una insegnante. Ed era contraccambiata dai “suoi” tanti bambini, ma anche dai genitori che – ieri – erano, inevitabilmente, sotto choc.

Morta per malaria, i familiari presentano esposto in Procura: aperta l'inchiesta

Rientrata ad Agrigento e finite ormai le vacanze natalizie, Loredana era tornata in cattedra. Aveva iniziato a non stare bene, ma non s’era tirata indietro. Venerdì 10 era stata in classe a fare lezione. Poi, la febbre ha iniziato a debilitarla e non è riuscita più a tornare in classe. Loredana però voleva tornare – e lo avrebbe certamente fatto – a Lagos così come in altre città della Nigeria. Aveva delle amicizie, delle conoscenze. Forse erano persone con le quali sognava appunto di mettere in piedi quella scuola. Il sogno s’è spezzato, irrimediabilmente, nella notte fra lunedì e ieri. Il sogno s'è spezzato perché proprio in Nigeria ha contratto la malaria. 

Affetta da malaria va via dal pronto soccorso, l'ospedale: "Nessun rischio di contagio"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

  • La statua di Camilleri diventa un "giallo": polemiche su donatori e progetto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento