rotate-mobile
La svolta

Agrigento capitale italiana della cultura, ci siamo: finalmente la giunta delibera lo statuto della Fondazione

Intanto proprio ieri Ecua chiedeva notizie ed evidenziava lo stato di abbandono della città e l'assenza di interlocuzioni con istituzioni e partner

Agrigento Capitale italiana della cultura 2025, dopo una lunga fase di silenzi e rassicurazioni è arrivato il primo atto ufficiale. La Giunta comunale nella giornata di ieri ha infatti deliberato lo statuto che costituisce la fondazione che sarà il "braccio armato" del progetto.

La deliberazione è arrivata dopo settimane di polemiche e la grande attenzione sollevata da Agrigentonotizie.it sul tema e nei fatti, una volta che il provvedimento sarà approvato dal Consiglio comunale di Agrigento e poi dagli organismi degli altri soci. Tutto quindi si dovrà concludere entro qualche mese, salvo problemi.

Entreremo nel dettaglio dello statuto più avanti, ma oggi si può già dire che - come anticipato -  sono inseriti tra i soci fondatori tutto coloro che "hanno condotto il processo di candidatura della Città di Agrigento a Capitale italiana della cultura 2025 e promosso la costituzione della Fondazione", quindi Comune di Agrigento, Comune di Lampedusa, ECUA Empedocle Consorzio Universitario di Agrigento e l'associazione MeNO, di Roberto Albergoni. 

Particolarmente importante è evidenizare che "i soci fondatori potranno ricevere incarichi dalla Fondazione per l’espletamento di specifiche attività". In particolare, si legge ancora, "la Associazione MeNo sarà responsabile per il primo triennio del coordinamento del programma culturale ed esprimerà per il suddetto periodo le figure del Project Manager e dell’Executive Manager, i cui compiti e relative retribuzioni saranno definite dal Consiglio di Amministrazione. Il compenso del Project Manager e dell’Executive Manager non potrà eccedere quello previsto per i quadri del Ccnl. applicabile alle fondazioni, enti senza scopo di lucro, al momento del conferimento dell’incarico".

E chi sarà incaricato? Anche in tal senso lo statuto è molto preciso: queste due figure saranno ricoperte "in fase di costituzione e per il primo triennio sono individuati nelle persone che hanno collaborato attivamente per conto dell'associazione MeNo alla stesura del dossier di candidatura", quindi Roberto Albergoni e Margherita Orlando.

Se questi gli atti pubblici, c'è un'altra vicenda meno nota che si è consumata proprio ieri e che è la dimostrazione, per un certo verso, del deterioramento dei rapporti tra Ecua e Comune. Nello stesso giorno in cui la giunta deliberava lo statuto di fondazione, il presidente (uscente?) Nenè Mangiacavallo scriveva al sindaco privatamente per chiedere notizie proprio sullo statuto. 

"Devo, purtroppo, rilevare con amarezza, delusione e preoccupazione che, a fronte di roboanti annunci - scriveva Mangiacavallo rivolto al sindaco- , non solo non è riuscito a partire alla grande, ma non ha nemmeno superato il limite del semplice proclama”.

Quattro mesi trascorsi, ha precisato il presidente, che sarebbero dovuti servire a coinvolgere i soci fondatori ("I sindaci di tutta la provincia, la Curia Vescovile ed il MUDIA, la Biblioteca Lucchesiana, il Parco Archeologico della Valle dei Templi, le forze sociali, le associazioni culturali ed ambientaliste, l’Archivio di Stato, il Polo territoriale dell’Università, gli Imprenditori e quanti hanno avuto un ruolo importante nella fase 1 della candidatura") ma anche per "ottenere dalle Autorità Nazionali e Regionali le assicurazioni istituzionali che le reti infrastrutturali di tutta la provincia sarebbero state rese compatibili con lo storico appuntamento del 2025", per avviare "una adeguata campagna di raccolta fondi, perché i progetti per essere realizzati non hanno bisogno di parole ma di copertura finanziaria" e per "cominciare ad occuparsi del decoro urbano, della pulizia e della infrastrutturazione turistica di una città che è già sotto i riflettori di tutta Europa e che non può presentarsi nello stato in cui versa attualmente, come evidenziato recentemente da un Sottosegretario di Stato in visita ad Agrigento".

Insomma, il cammino è iniziato, ma le polemiche non sono finite. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agrigento capitale italiana della cultura, ci siamo: finalmente la giunta delibera lo statuto della Fondazione

AgrigentoNotizie è in caricamento