Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Il trentacinquenne ha presentato denuncia per quanto gli è successo in via Imera: qualcuno è arrivato prima di lui e s'è impossessato del costoso smartphone

Una veduta di via Imera

Perde lo smartphone lungo via Imera, mentre è alla guida del suo scooter. Se ne accorge praticamente subito e torna indietro per recuperarlo. Ma qualcuno ha fatto prima di lui. Praticamente inutile ogni tentativo, da parte del trentacinquenne agrigentino, di riuscire a ritrovare il suo costoso telefono cellulare.

L’uomo, su tutte le furie per il mancato senso civico dei concittadini, ha formalizzato denuncia, contro ignoti, alla polizia. Gli agenti della sezione Volanti della Questura hanno già avviato gli accertamenti tecnici per riuscire a tracciare la strada che il cellulare ha fatto. Appare scontato che quanto verificatosi in via Imera, nel cuore della città dei Templi, altro non sia che un caso di appropriazione indebita. Non è escluso però – ma questo spetterà all’attività investigativa della polizia provarlo – che possa anche configurarsi un furto. Ieri, appariva però un’ipotesi assai improbabile. I poliziotti sono certi, naturalmente, di riuscire a ritrovare il telefono cellulare. Servirà chiaramente del tempo per fare in modo che si possa, appunto, tracciare la strada che il telefonino ha preso e identificare chi ne è in possesso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento