rotate-mobile
Raffadali Raffadali

Maxi rissa in piazza, "incastrati" dalle telecamere: sei persone denunciate

L'attività investigativa dei carabinieri è riuscita ad identificare tutti gli esagitati, alcuni dei quali rimasti feriti sono finiti in ospedale

Non soltanto le testimonianze raccolte. Ma anche e soprattutto i filmati degli impianti di video sorveglianza posti a presidio di alcuni esercizi commerciali. Ad “incastrare” – per tutti è scattata una denuncia, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento – i sei esagitati che, in piazza Progresso, se le sono date di santa ragione sono stati proprio i filmati ricavati dalle telecamere di video sorveglianza e l’attività investigativa dei carabinieri della stazione di Raffadali. Tre gli extracomunitari: due tunisini e un marocchino ed altrettanti i raffadalesi che, adesso, dovranno rispondere dell’ipotesi di reato di rissa. Un tafferuglio fatto a mani “nude”, con calci e pugni.

Era la sera dello scorso 30 settembre quando, in piazza Progresso a Raffadali, scoppiava l’alterco ben presto tramutatosi in maxi rissa. Urla e rumori hanno, inevitabilmente, richiamato l’attenzione di qualcuno che, prima che l’episodio si trasformasse in tragedia, ha lanciato l’Sos alla centrale operativa dei militari dell’Arma. Una pattuglia della stazione di Raffadali è immediatamente accorsa. All’arrivo dei carabinieri non c’era però più nessuna traccia dei corrissanti. E’ scattata dunque l’attività investigativa. Sono state acquisite alcune testimonianze, ma soprattutto sono stati recuperati i filmati degli impianti di video sorveglianza posti a presidio di alcuni negozi della zona. Mentre alcuni carabinieri eseguivano verifiche e controlli al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio”, altri avviavano l’analisi dei filmati. Analisi che ha consentito – stando alla ricostruzione ufficiale fatta ieri dal comando provinciale di Agrigento – di identificare i presunti esagitati.

Alcuni, fra l’altro, sono andati a finire veramente in ospedale: nessuno è rimasto gravemente ferito, ma escoriazioni, ferite e contusioni hanno fatto diagnosticare – ai medici del “San Giovanni di Dio” – pochi giorni di prognosi. Tutti da chiarire i motivi che, in piazza Progresso, hanno fatto divampare il tafferuglio. I carabinieri, ieri, parlavano ufficialmente di “futili motivi”. Nessuno ipotizza uno "scontro" di carattere razziale. Sembra, infatti, che fra i due gruppi – così come accade anche fra i conterranei – potrebbe esservi stata qualche incomprensione, magari anche qualche parola di troppo, magari qualche sfottò non gradito. Un motivo banale, dunque, che ha, all’improvviso, fatto scatenare il tafferuglio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi rissa in piazza, "incastrati" dalle telecamere: sei persone denunciate

AgrigentoNotizie è in caricamento