menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Inferno di fuoco e fumo in una ditta di smaltimento rifiuti, aperta un'inchiesta

I pompieri hanno impiegato oltre 5 ore prima di riuscire a circoscrivere il rogo che si è sviluppato nel piazzale esterno del capannone

Che cosa abbia innescato le fiamme non è chiaro. E' certo invece che i vigili del fuoco del distaccamento cittadino sono rimasti al lavoro per almeno 5 ore prima di riuscire ad avere la meglio sull'incendio che è divampato nel piazzale esterno del capannone di una impresa che si occupa dello smaltimento di rifiuti. A bruciare, appunto, montagne di immondizia che era stata già recuperata e ammassata. 

Lungo la statale 115 si sono precipitate anche diverse pattuglie di carabinieri e polizia. Le forze dell'ordine, naturalmente, hanno atteso che i pompieri prima finissero di circoscrivere il "fronte" di fuoco e fumo e poi s'occupassero delle cosiddette operazioni di "raffreddamento" (che servono per evitare che possibili focolai facciano riesplodere roghi), prima di avviare l'inchiesta. 

Non è chiaro - o se non altro non è stato reso noto - cosa abbia fatto divampare l'incendio. Fiamme che, inevitabilmente, hanno, però, trovato "terreno fertile" fra i rifiuti. Le colonne di fumo nero erano visibili a distanza sia dalla statale 115 che dalla stessa città di Licata.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento