Sfiducia a Messana, il capogruppo Pd: "Chiunque altro si sarebbe dimesso"

Giuseppe Guagliano: "La mozione è stata sottoscritta da 14 su 15 consiglieri comunali. Lo stesso avrebbero dovuto fare  gli  assessori"

Il capogruppo del Pd Giuseppe Guagliano

“La nuova mozione di sfiducia è stata sottoscritta, accettata e condivisa in ogni sua parte da 14 su 15 consiglieri. Il messaggio politico è chiaro e inequivocabile.  In qualsiasi altro paese, un sindaco minimamente rispettoso dei cittadini e della carica che riveste, avrebbe concluso i pochi adempimenti  rimasti e si sarebbe dimesso. Altrettanto avrebbero dovuto fare  gli  assessori che dei consiglieri ‘sfiduciatari’ sono espressione”. E’ con queste parole che Giuseppe Guagliano, capogruppo del Pd (stesso partito del sindaco di Racalmuto: Emilio Messana), ieri, è tornato a focalizzare l’attenzione sulla mozione di sfiducia. E lo ha fatto alzando i toni.

Mozione di sfiducia e stabilizzazione dei precari, lo "scontro" si fa duro

Visto che nessuno si è dimesso, “stiamo assistendo a quello che si temeva: uno squallido, ma organizzato, tentativo – ha scritto Guagliano – di corrompere la politica per indurre almeno 3 dei 14 consiglieri firmatari a salvare la solida poltrona del vice sindaco e consentire al sindaco di incassare i circa 15 mila euro residui di mandato, più 20 mila di buonuscita”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco Messana cerca di evitare la sfiducia 

I toni della politica cittadina si stanno facendo, dunque, più che infuocati, mentre ancora non è stata convocata l’Assise durante la quale si dovrà votare la mozione di sfiducia. “Stabilito che gli 8 consiglieri di maggioranza non avranno nessun ripensamento, - prosegue il capo gruppo del partito Democratico, Giuseppe Guagliano - mi risulta incredibile pensare che i quattro della lista Borsellino, consiglieri firmatari, o anche solo qualcuno di loro, dopo le umiliazioni subite dal sindaco possano rinnegare se stessi per ri-salvarlo. Quale tornaconto materiale o utilità politica può valere di più della propria dignità e credibilità al cospetto dei propri elettori e tutti i cittadini? – chiede Giuseppe Guagliano - . Chi dovesse cedere alle insane lusinghe e pressioni, con un atto di inspiegabile masochismo politico, si assumerebbe per intero ogni responsabilità morale di malgoverno, compresa quella dell'inevitabile ricandidatura del sindaco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Villaseta: giovane si toglie la vita, avviate le indagini

  • Coronavirus: muore commerciante di Canicattì, seconda vittima dopo l'anziana di Sambuca

  • Coronavirus, è di nuovo raffica di positivi a Ravanusa, Palma, Canicattì, Licata, Sciacca, Cianciana e Porto Empedocle

  • Non si fermano i contagi a Sambuca, altri nove positivi: tra questi anche un impiegato

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 5 alunni positivi a Porto Empedocle e 3 a Lampedusa: salgono a 15 i contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento