rotate-mobile
Mercoledì, 22 Marzo 2023
Politica Racalmuto

Stabilizzazione dei precari, Messana cerca di evitare la sfiducia

Il sindaco sui lavoratori: "Beneficeremo di un contributo regionale per i prossimi vent'anni che ci consentirà di trasformare i contratti di 76 lavoratori a tempo indeterminato"

La giunta comunale ha approvato l'atto di indirizzo e il programma triennale del fabbisogno del personale. Si avviano così - anche a Racalmuto - le procedure per la stabilizzazione del personale precario. "Beneficeremo di un contributo regionale per i prossimi vent'anni che ci consentirà di trasformare i contratti di 76 lavoratori a tempo indeterminato" - ha spiegato il sindaco Emilio Messana - .

Contro Emilio Messana è stata presentata, nelle scorse settimana, una mozione di sfiducia. A firmarla 14 dei 15 consiglieri in carica. La mozione non è stata ancora portata in discussione, all'aula "Marchese", proprio perché è stato scelto di dare al sindaco la possibilità di ultimare l'iter delle stabilizzazioni. 

La Cisl: "E' una procedura che va seguita politicamente"

"Il piano dovrà essere approvato da una commissione nazionale. Pertanto nei prossimi mesi dovrà essere seguito e difeso a Roma perché ottenga il parere favorevole - ha dichiarato, non a caso, il sindaco di Racalmuto - . È un momento storico per il nostro Comune e per i nostri lavoratori. Se solo ripensiamo al nostro insediamento nel giugno 2014, quando i contratti rischiavano di non essere prorogati, per effetto del piano di riequilibrio finanziario approvato dai commissari, possiamo comprendere l'importanza del lavoro svolto. Prima del piano di riequilibrio, i contratti dei precari erano a ventiquattro ore e il costo era al 90% a carico della Regione e per la rimanente parte a carico del Comune. Per risanare il bilancio,  a quota comunale pari a circa 200.000 euro, venne tagliata dai commissari. I contratti furono così portati a 20 ore. L'anno scorso questa amministrazione ha promosso una mobilitazione che ha determinato l'approvazione all'Ars di una norma che ci ha consentito di riportare i contratti a ventiquattro ore, ponendo l'importo tutto a carico della Regione. Ieri ci è stato comunicato il decreto che riconosce a Racalmuto, unico Comune in Sicilia, 200.000 euro per coprire le quattro ore in più".

Un dettagliato resoconto, quello del sindaco di Racalmuto che non manca di evidenziare: "Se fosse passata la prima mozione di sfiducia nel novembre del 2016, promossa da 'Racalmuto prima di tutto' e sventata dai consiglieri della lista Borsellino e dai consiglieri del Pd, i nostri contrattisti sarebbero rimasti a venti ore nel 2017, nel 2018, nel 2019: i lavoratori avrebbero perso 200.000 euro ogni anno. Oggi i consiglieri hanno presentato una nuova mozione di sfiducia - inevitabilmente il sindaco cerca di richiamare l'attenzione di maggioranza e opposizione affinché gli consentano di ultimare l'ultimo scorcio di mandato - . Riflettiamo bene prima di abbandonare le istituzioni e lasciare il paese nelle mani di un commissario - lancia un altro appello - . Dobbiamo credere nel nostro ruolo, come il popolo ha avuto fiducia in noi quando ci ha eletti".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stabilizzazione dei precari, Messana cerca di evitare la sfiducia

AgrigentoNotizie è in caricamento