rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Il verdetto / Villaggio Mosè

Il figlio si è suicidato con la sua pistola di ordinanza: assolto vigile urbano

La tragedia è avvenuta nel marzo dell'anno scorso: l'agente era accusato di omessa custodia di armi

Il giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Michele Dubini, ha assolto un vigile urbano di Agrigento dall'accusa di omessa custodia di armi. L'agente 59enne era finito a processo in seguito al suicidio del figlio che si era tolto la vita sparandosi con la sua pistola di ordinanza.

La vicenda risale al marzo dello scorso anno. La tragedia è avvenuta al Villaggio Mosè, nell'abitazione dove il ragazzo nemmeno trentenne viveva insieme ai genitori. L'episodio sconvolse l'intera città: dagli accertamenti sull'episodio ne era scaturito un processo a carico del padre che ha dimostrato di avere correttamente conservato la pistola di ordinanza e di non avere alcuna responsabilità nella tragedia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il figlio si è suicidato con la sua pistola di ordinanza: assolto vigile urbano

AgrigentoNotizie è in caricamento