rotate-mobile
Cronaca Ribera

Operazione "Paraninfo", scovati matrimoni fake: il finto "si" anche nell'Agrigentino

Dei migranti hanno pagato circa 5 mila euro ed altri hanno assicurato la propria disponibilità a tenere e rivendere sigarette importate di contrabbando dal loro Paese d'origine

C'è anche l’Agrigentino nell’operazione della Guardia di finanza “Paraninfo”. Sono state denunciate undici persone per favoreggiamento all’immigrazione clandestina, tra gli arrestati alcuni di loro sono residenti a Ribera. Le indangini hanno accertato che alcuni migranti tunisini hanno contratto il matrimonio fake per potere avere il permesso di soggiorno. Alcuni di loro hanno pagato circa 5mila euro ed altri hanno assicurato la propria disponibilità a tenere e rivendere sigarette importate di contrabbando dal loro Paese d'origine.

Delle italiane avrebbero anche contratto dei finti matrimoni alla presenza di testimoni, tutto questo è accaduto anche al Municipio di Ribera, chi entrava a far parte di questo “circolo” riceveva in cambio mille euro. Le donne venivano reclutate da una coppia di Campobello di Mazara, formata da un residente di origini tunisine e dalla moglie siciliana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "Paraninfo", scovati matrimoni fake: il finto "si" anche nell'Agrigentino

AgrigentoNotizie è in caricamento