Sbarchi senza sosta a Lampedusa: 11 gli approdi per oltre 170 migranti, ma in mare ci sono altri barchini

Oltre 410 le persone all'hotspot di contrada Imbriacola dove la capienza è per 192. La Prefettura, verosimilmente nelle prossime ore, avvierà un nuovo piano di trasferimenti  

Uno sbarco di migranti a Lampedusa

L'isola di Lampedusa è risultata essere, praticamente per l'intera giornata, sotto assedio. Ma non è finita perché altre "carrette del mare" risultano essere state già avvistate dai militari della Capitaneria di porto e della Guardia di finanza. Ecco il dettaglio dell'ennesimo esodo.  

Ore 21,05. Altri tre barchini, con a bordo complessivamente 50 migranti, sono stati agganciati nelle acque antistanti a Lampedusa. Sono saliti a 11 gli approdi, uno soltanto è avvenuto senza che si innescassero allarmi o soccorsi, registratisi dalla notte scorsa con oltre 170 persone arrivate, tunisini per la maggior parte. All'hotspot di contrada Imbriacola si è arrivati ad oltre 410 presenze a fronte di una capienza massima prevista per 192. 

Ore 14,43. Altri tre barchini, con a bordo oltre 40 tunisini e qualche libico, sono stati soccorsi, dalle motovedette della Capitaneria e della Guardia di finanza, nelle acque antistanti a Lampedusa. Sono saliti a otto, dalla mezzanotte ad ora, gli sbarchi registratisi con un totale di oltre 120 persone. All'hotspot si è arrivati ad oltre 360 presenze. La Prefettura di Agrigento, anche in considerazione del fatto che il mare è buono, è già al lavoro per varare un piano di trasferimenti. 

Ore 10,30. Notte di sbarchi a Lampedusa. Da mezzanotte all'alba sono giunti cinque barchini con a bordo un totale di 80 persone, quasi tutti tunisini e una decina di libici. Soltanto una "carretta del mare" è riuscita ad arrivare direttamente sulla terraferma, mentre le altre 4 sono state avvistate e soccorse dalle motovedette. Ieri, in meno di 12 ore si erano registrati invece altri 4 approdi con un complessivi 44 tunisini. Anche i cinque gruppetti arrivati nelle ultime ore sono stati portati all'hotspot di contrada Imbriacola dove si è arrivati a poco meno di 320 presenze.

Salgono a 4 gli sbarchi in 12 ore: giunti 44 tunisini, in 237 all'hotspot

La nave quarantena Azzurra, con a bordo 603 persone, si trova, nel frattempo, in rada di Trapani dove ieri ha fatto una tecnica: rifornimento di carburante e viveri. A bordo del traghetto, oltre all’equipaggio, personale della Croce Rossa Italiana e mediatori culturali ci sono, appunto, 603 migranti di cui il 70 per cento è costituito da tunisini, poi alcuni nuclei familiari di provenienza subsahariana, con donne e bambini. Una decina sarebbero i minori non accompagnati.

Il Viminale ieri ha aggiudicato anche la seconda gara per il noleggio di una nave destinata a consentire la quarantena dei migranti che sbarcano in Italia. Anche questa seconda nave sarà della compagnia Grandi navi veloci, ma avrà meno posti rispetto all’Azzurra. Si tratta infatti di una nave con 293 cabine che stazionerà prevalentemente lungo le coste della Calabria. 

(Aggiornato alle ore 21,05)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento