"Tangenti per ottenere i lavori dall'Anas", torna libero il favarese 41enne

Il tribunale di Catania ha ritenuto attenuate le esigenze cautelari al punto da revocare la misura cautelare dei domiciliari

L'indagato Calogero Pullara

Accogliendo le istanze dei difensori, gli avvocati Giuseppe Barba ed Emilio Amoroso, il tribunale di Catania ha scarcerato e rimesso in libertà il favarese Calogero Pullara, 41 anni, arrestato dalla Guardia di finanza lo scorso 20 ottobre nell’ambito della maxi operazione denominata "Buche d’oro". Si tratta dell'inchiesta su un presunto giro di tangenti legate ai lavori pubblici commissionati dall’Anas di Catania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inchiesta "Buche d'oro", il favarese risponde al gip e respinge le accuse

Il tribunale di Catania ha ritenuto, di fatto, fortemente attenuate le esigenze cautelari al punto da revocare la misura cautelare degli arresti domiciliari per il favarese che s'è, fin dal primo momento, ritenuto estraneo - se non addirittura vittima - all'accusa.

"Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento