rotate-mobile
Il processo / Favara

Imprenditore freddato e ucciso in un bar a Ferragosto, teste in aula: "Non ho visto nulla, mi sembravano petardi"

A uccidere l'ex presidente del consiglio comunale di Favara, Salvatore Lupo, secondo la procura, sarebbe stato l'ex genero Giuseppe Barba per dei contrasti legati alla separazione con la figlia

"Stavo sparecchiando la tavola e sistemando i rifiuti quando ho sentito i rumori degli spari, mi sembravano dei petardi". Caterina Montalbano, dalla cucina del suo appartamento proprio di fronte al bar dove, il giorno di Ferragosto del 2021 è stato ucciso l'imprenditore Salvatore Lupo, ha sentito dei rumori ma non ha visto nulla nè ha immaginato che qualcuno potesse avere sparato con una pistola.

Continuano le deposizioni dei testi al processo, in corso davanti alla Corte di assise di Agrigento presieduta da Giuseppe Miceli, per l'omicidio dell'imprenditore ed ex presidente del consiglio comunale di Favara, Salvatore Lupo, freddato a 45 anni, per il quale è imputato l'ex suocero Giuseppe Barba, 67 anni: sarebbe stato lui a entrare nel bar e sparargli mentre aspettava che gli dessero le due vaschette di gelato che aveva ordinato.

La donna, citata dal difensore dell'imputato, l'avvocato Salvatore Pennica, ha raccontato di avere appreso solo in un secondo momento che c'era stato un omicidio. 

Barba sarebbe stato tradito dalle immagini di un filmato, estratto dalle telecamere di un impianto di videosorveglianza, che immortala la sua Fiat Panda mentre effettua un tragitto nella direzione della via IV novembre, dove, nel bar, è stato commesso l’omicidio dell'imprenditore che gestiva una serie di comunità per disabili e operava nel settore dell'edilizia. 

Proprio su quell'auto, grazie all'esame dello Stub, sono state trovate - sul volante in particolare - tracce di polvere da sparo che avrebbero confermato i sospetti dei carabinieri tanto da fare scattare, il 9 settembre, il fermo della Procura. 

All'origine dell'omicidio ci sarebbero i contrasti economici legati alla separazione di Lupo con la moglie Giusi Barba: l'unico familiare a costituirsi parte civile, con l'assistenza dell'avvocato Daniela Posante, è stato il figlio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditore freddato e ucciso in un bar a Ferragosto, teste in aula: "Non ho visto nulla, mi sembravano petardi"

AgrigentoNotizie è in caricamento