Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

Il parroco legge tanti messaggi di sindaci, sacerdoti, amici: la gente applaude commossa dai balconi il passaggio del feretro

Lorena Quaranta

"Abbiamo perso una figlia pure noi, è una tragedia gigantesca di cui siamo addolorati". Don Calogero Lo Bello, in occasione dell'omelia in suffragio di Lorena Quaranta, legge tutti i messaggi di cordoglio arrivati in queste ore.

Fra le tantissime lettere di amici, familiari, conoscenti, sacerdoti, sindaci della provincia, c'è pure quella dei familiari di Antonio De Pace, il fidanzato della studentessa ventisettenne laureanda in medicina, fermato e finito in carcere con l'accusa di averla uccisa strangolandola, al culmine - sembrerebbe - di un litigio i cui contorni restano oscuri. All'esterno, infatti, appariva come una coppia felice.Favara, in lockdown come tutta la nazione, in occasione del rientro in città della ragazza, amata e apprezzata da chiunque la conoscesse, ha accolto il feretro stendendo un lenzuolo bianco sui balconi dove la gente, affacciata, ha applaudito al passaggio del carro funebre.

IL VIDEO. Lorena ritorna fra la sua gente, lacrime e applausi per l'ultimo saluto

L'arcidiocesi, su invito del sindaco Anna Alba, della Prefettura e degli stessi familiari, ha concesso un piccolo strappo al divieto di cerimonie religiose che è stato imposto per prevenire il contagio da Coronavirus. Nessun funerale vero e proprio ma è stata concessa la "liturgia della parola". Una breve funzione religiosa, nella cappella del cimitero, officiata dal parroco dell'Itria don Calogero Lo Bello, alla quale hanno partecipato solo i familiari, il sindaco, che ha donato una corona di alloro alla famiglia Quaranta, e il legale della famiglia Giuseppe Barba che ha omaggiato i familiari di Lorena di un camice di una pediatra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'esterno del cimitero un gruppo di amici e familiari. Il sacerdote ha letto una lunga lista di messaggi, fra questi quello del sacerdote e del sindaco di Dasà, il paesino in provincia di Vibo Valentia di cui è originario Antonio De Pace: i due giovani si erano conosciuti all'università di Messina dove il ragazzo si era laureato in scienze infermieristiche. Applausi e lacrime per la ragazza dalla bellezza e dal sorriso che lasciavano il segno. Il sindaco di Favara, Anna Alba, ha elogiato la figura della ragazza e sottolineato la "grande compostezza da parte dei familiari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento