Blitz antidroga "Piazza pulita", fra i pusher anche richiedenti asilo politico

I canali di approvvigionamento non sono stati individuati. Ma non c’è alcun dubbio sul fatto che hashish e marijuana arrivavano da Palermo con i treni o con gli autobus di linea

Una cessione di droga in centro storico

I canali di approvvigionamento non sono stati individuati. Ma non c’è alcun dubbio sul fatto che hashish e marijuana – la droga che veniva smerciata fra piazza Ravanusella e via Atenea, passando le per vie Vallicaldi, Boccerie e Cannameli, - arrivavano da Palermo. E lo facevano sugli autobus di linea che giungono a piazzale Rosselli ma anche grazie alla linea ferrata. I carabinieri appena lunedì sera, poche ore prima che venisse realizzata l’operazione antidroga denominata “Piazza pulita”, hanno bloccato uno degli immigrati, che andava sottoposto a fermo di indiziato di delitto, in possesso all’interno di uno zainetto di 110 grammi di marijuana. Tornava appunto da Palermo e il “rifornimento” di “roba” sarebbe dovuto servire se non per la stessa sera di Pasquetta per il ponte del 25 aprile.

Giro d'affari di oltre 15 mila euro, segnalati 32 giovani alla Prefettura 

I fermati, i provvedimenti sono stati firmati dal procuratore aggiunto Alessandra Russo, sono stati 5 immigrati originari del Gambia, uno del Senegal e una donna, originaria del Belgio, di 45 anni. “Hanno dai 19 anni ai 24 anni i giovani pusher – hanno spiegato il comandante provinciale dell’Arma: il colonnello Giovanni Pellegrino e il capitano della compagnia di Agrigento Luigi Garrì - . Abitavano ad Agrigento o erano senza fissa dimora. In passato alcuni di loro sono stati ospiti di locali comunità d’accoglienza, uno ha il permesso di soggiorno, mentre gli altri sono richiedenti asilo politico. Erano arrivati in Italia tra il 2014 e il 2017 e quindi riteniamo che abbiamo avuto il tempo per industriarsi, ma le indagini non hanno permesso di riscontrare come”.

Hashish per l'uscita di scuola o all'happy hour: il blitz "Piazza pulita" cancella lo spaccio

“Alcuni di questi soggetti erano stati già  arrestati, in possesso di 30 o 50 grammi di stupefacente. Un quantitativo che non rendeva nemmeno possibile l’applicazione di una misura risolutiva per il problema – ha sottolineato, invece, il sostituto procuratore Alessandra Russo - . Alcuni di questi sono andati via, altri sono rimasti qua”. Non è stato facile individuare singolarmente i vari pusher e questo perché, appunto, non avevano una fissa dimora e, alcuni di loro, si sono appunti frequentemente spostati.

IL VIDEO. Calci e bottigliate in testa ai giovani clienti: le telecamere dei carabinieri incastrano i pusher

“E’ stato complicato anche capire dove si andassero a riposare nelle ore in cui non li vedevamo in quella zona” – ha evidenziato il capitano della compagnia di Agrigento - .

"Fiumi" di hashish ed "erba" in centro storico: scatta l'operazione antidroga 

“La posizione di chi è richiedente asilo politico è stata già segnalata – ha spiegato il capitano Garrì - . Auspichiamo che la loro pratica venga trattata e definita in modo celere”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento