Nuovo Dpcm, controlli all'ingresso della città: incidente dopo inseguimento, poliziotti in ospedale

Volanti, vigili urbani e polizia municipale stavano, acquisendo le autocertificazioni, verificando che non vi fossero spostamenti arbitrari

L'incidente fra la pattuglia e un furgone

Due poliziotti della sezione Volanti della Questura sono stati portati al pronto soccorso dell'ospedale "San Giovanni di Dio" dopo essere rimasti feriti a causa di un incidente stradale. All'ingresso di Agrigento vi è stato un inseguimento: una pattuglia delle Volanti si è posta alle "calcagna" di un furgone bianco. Un furgone che, a quanto pare, avrebbe avuto dei problemi ai freni. Ad un certo punto - tutto è naturalmente ancora in corso d'accertamento e ricostruzione - si è verificato l'incidente che, in primissima battuta, è sembrato essere uno speronamento. I due poliziotti non sono feriti gravemente e in ospedale vengono sottoposti a tutti gli accertamenti del caso.  

E' accaduto tutto durante il controllo, l'ennesimo, che era stato disposto per verificare il rispetto delle prescrizioni imposte, per la zona "arancione", dal nuovo Dpcm anti-Covi. All'ingresso di Agrigento, subito dopo essersi lasciati alle spalle contrada San Giusippuzzo, ci sono le pattuglie della sezione Volanti della Questura, quelle della polizia provinciale e i vigili urbani. Esattamente per come era accaduto ieri, lungo la Passeggiata archeologica e via Magellano a San Leone, sono in corso verifiche sistematiche e meticolose. In maniera particolare si cerca di controllare i mezzi pesanti per comprendere perché stanno accedendo in città e se sono, appunto, o meno autorizzati. 

Covid e Dpcm: spostamenti vietati da un paese all'altro, maxi controllo nel "cuore" della Valle dei Templi

E' vietato spostarsi (oltre che da una regione all'altra) dal Comune di residenza, salvo motivi di lavoro, salute e necessità (vi rientra anche la previsione di usufruire di servizi ed attività non disponibili nel Comune di residenza). Chi si sposta dovrà avere con se, ma potrà sottoscriverla anche davanti alle forze dell'ordine che verificheranno la veridicità delle dichiarazioni, l'autocertificazione. A disporre il maxi rastrellamento - deciso durante un comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica che è stato presieduto dal prefetto Maria Rita Cocciufa -  è stato il questore Rosa Maria Iraci. 

Coronavirus, le multe per chi non rispetta le regole del nuovo Dpcm

Gli agenti del gruppo interforze stanno controllando tutti coloro che si apprestano, appunto, ad entrare o anche a lasciare la città. Vengono, naturalmente, acquisite le autocertificazioni che vengono passate in rassegna per stabilire se siano veritiere o fasulle.

Nuovo Dpcm e controlli su mascherine, spostamenti e rispetto degli orari: 11 sanzioni nel week end

(Aggiornato alle ore 19,45)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento