menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Aldo Virone

Aldo Virone

Raffadali - amministrative 2015, Aldo Virone: "I soliti modi"

"Un chiacchiericcio diffuso nella collettività raffadalese pone in rilievo pratiche di accaparramento del consenso legato al voto di scambio palese e\o velato".

Riceviamo e pubblichiamo, integralmente, l'intervento del candidato sindaco Aldo Virone, a proposito dell'imminente campagna elettorale a Raffadali.

"La campagna elettorale è iniziata ormai da alcuni mesi; qualcuno l’ha già programmata da prima. 

Un chiacchiericcio diffuso nella collettività raffadalese pone in rilievo pratiche di accaparramento del consenso legato al voto di scambio palese e\o velato.

Non è insolito sentirsi dire che, i cittadini sono stati cooptati in liste con la promessa di un posto di lavoro nelle neo costituite cooperative sociali; così come non è difficile sentire dire che alcuni enti – che dovrebbero prestare la loro opera di assistenza amministrativa a titolo gratuito – abbiano contattato i nostri giovani, assicurando che la loro pratica, all’interno del progetto garanzia giovani, è andata a buon fine e che vi sono ottime possibilità di inserimento.

Chiaro che ciò comporta – quale velata contropartita - una univoca manifestazione di consenso in favore di colui o colei che per ciò si è prodigato.

Ciò che nessuno dice è che la disponibilità di personale per tale progetto è, su base regionale, di circa 13.000 unità, che se ripartiti tra i 390 comuni dell’isola corrisponderebbero mediamente a circa 33 unità per comune. 

Tale metodo è meno infame ed illecito, ma non per questo meno biasimevole, di quello usato da qualche maggiorente politico locale, che, con la promessa del “posto” in cooperativa, è aduso impegnare, forse meglio sarebbe dire incatenare, la libertà e la autodeterminazione delle persone al loro bisogno di lavoro, alla loro fame di emancipazione economica.

Tali pratiche – tipiche di una stagione politica che sembrava tramontata e che tutti ci auguravamo non tornasse mai più – sono attualmente in auge e costituiscono la leva su cui qualcuno vuole conquistare a tutti i costi e con tutti i mezzi il potere della città.

Esse costituiscono l’esatto contrario dei principi di legalità, correttezza e coerenza con principi di buon governo, che molti decantano a parole abusandone in convegni e manifestazioni.

E’ dovere di tutti denunciare questi sistemi che hanno connotato la nostra terra in termini di negatività e di arretratezza anche culturale, poiché favoriscono i meno meritevoli e rappresentano un modo di perpetuazione del potere nepotistico e clientelare". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento