rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Licata Licata

Sospettato di "nascondere armi da guerra", arrestato pescatore 21enne

La misura cauterlare, emessa dal tribunale di Palermo, arriva dopo una lunga indagine iniziata nel 2016 e condotta dal commissariato di Licata, insieme alla Squadra mobile di Agrigento

Cercavano armi da guerra. Hanno invece trovato una pistola calibro 7,65; due caricatori calibro 9, uno dei quali aveva proiettili inseriti; 14 cartucce calibro 12; 309 cartucce calibro 9 ed un fucile calibro 12, risultato essere provento di furto. E' in esecuzione di un'ordinanza di applicazione della misura della custodia cautelare in carcere - emessa dal tribunale di Palermo - che i poliziotti del commissariato di Licata hanno arrestato Mario Savio Incorvaia, pescatore 21enne.

La misura cautelare è arrivata dopo una articolata e complessa indagine iniziata nel 2016 e condotta dal commissariato di Licata, insieme alla Squadra Mobile di Agrigento. I poliziotti indagavano - secondo quanto rende noto la Questura - su un’ipotesi di reato relativa ad un vasto giro di spaccio di sostanze stupefacenti nei comuni della provincia e, in particolare, nei comuni di Licata e Palma di Montechiaro.

L’attività investigativa - ricostruiscono dalla Questura - ha riguardato un gruppo di persone accusate di essere responsabili di un presunto giro di spaccio di droga. Al fine delle indagini, nel giugno del 2017, l'autorità giudiziaria emetteva un’ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un palmese, già detenuto per altra causa.  "Le investigazioni svolte, - fanno sapere dalla Questura - oltre a comprovare l’esistenza di un’illecita attività di spaccio di sostanze stupefacenti, facevano emergere anche la detenzione illecita di armi da fuoco. Reato - che secondo l'inchiesta - risultava aggravato dalla tipologia di armi, trattandosi di armi da guerra".

Nell’aprile del 2016, Incorvaia veniva arrestato - allora in flagranza di reato - per l'ipotesi di detenzione illegale di armi comuni da sparo. In particolare, in una pertinenza di un’abitazione nella sua disponibilità, sarebbero stati rinvenuti - ha reso noto la Questura - una pistola calibro 7,65, un caricatore con 9 cartucce inserite del medesimo calibro; 2 caricatori calibro 9; 14 cartucce calibro 12; 309 cartucce calibro 9 ed un fucile calibro 12, risultato essere provento di furto. Tale attività, anche se non consentiva di addivenire al ritrovamento di armi da guerra, per investigatori e inquirenti, "rappresentava un importante riscontro che andava a comprovare la genuinità degli elementi indiziari raccolti". Il giovane, dopo le formalità di rito, è stato portato alla casa circondariale di Agrigento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospettato di "nascondere armi da guerra", arrestato pescatore 21enne

AgrigentoNotizie è in caricamento