menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sospesa la chiusura dei "punti nascite" siciliani

Sospesa la chiusura dei "punti nascite" siciliani

Sospesa la chiusura dei "punti nascite" siciliani

Il presidente Laccoto, la commissione e il governo hanno convenuto che il decreto sui punti...

Soddisfazione del vicesindaco di Licata e assessore alla Sanità Arnone sull’ulteriore proroga al decreto Russo sulla chiusura dei 27 punti nascita in Sicilia: “Oggi finalmente in commissione regionale alla sanità - ha dichiarato Arnone - si è cominciato a ragionare di sanità con meno enfasi e meno calcolatrici in mano, il presidente Laccoto, la commissione e il governo hanno convenuto che il decreto sui punti nascita va modificato, attraverso un graduale percorso attuativo che si realizzerà entro in 30 giugno 2012 e valutando entro il prossimo anno le eventuali deroghe per i punti nascita da disattivare. L’avvio della nuova rete dei punti nascita - sottolinea Arnone - deve partire dal coinvolgimento dei territori, dagli utenti, dal personale medico, dalla stretta collaborazione con i comuni interessati, non ci può essere solo il potenziamento delle strutture più grosse a dispetto di tante realtà ospedaliere che operano con grande professionalità e ottimi risultati, che sono alla base di una sanità sussidiaria, perequativa e assistenziale come previsto dai 'Lea' e dal nuovo Piano sanitario nazionale. La concertazione con il Governo regionale, auspico che riparta senza annessioni e schemi precostituiti e la modifica del decreto Russo è un buon punto di partenza. Ringrazio calorosamente il comitato dei medici, i comitati spontanei, i sindacati, l’amministrazione di Palma e i tanti licatesi che sono scesi in piazza e hanno firmato la petizione contro la chiusura del reparto di ginecologia e ostetricia. - Arnone conclude dicendo che - per mia cultura e tradizione politica su sanità, scuola e servizi sociali sono valori che uno stato democratico e un governo responsabile non può riformare a colpi di decreti che portano malessere che si estrinsecano in una tagliola sociale".


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento