menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Consiglio comunale:  Rinviata trattazione del bilancio di previsione 2011

Consiglio comunale: Rinviata trattazione del bilancio di previsione 2011

Consiglio comunale: Rinviata trattazione del bilancio di previsione 2011

Assente il sindaco, che ha la delega al Bilancio. La proposta, avanzata da Cirino, è stata votata...

Il Consiglio comunale di Agrigento, ieri sera, ha ritenuto opportuno rinviare la trattazione del bilancio di previsione 2011 a martedì 15 novembre per la mancata presenza del sindaco Zambuto che, tra l’altro, ha la delega al Bilancio. L’indicazione di posticipare i lavori è stata avanzata dal consigliere Cirino che, nel suo intervento in qualità di presidente della commissione consiliare Bilancio, ha sottolineato che “è vergognoso ed umiliante per questa aula che su un argomento così importante non vi sia la presenza dell’amministrazione che spieghi qual’ è l’attività di natura finanziaria posta in essere per il risanamento del Comune”. Cirino ha avvisato di  “non relazionare senza la presenza del sindaco” chiedendo il rinvio della seduta a martedì prossimo. Tale indicazione è stata votata a maggioranza. 

Ad apertura di seduta, il presidente del Consiglio comunale Francesco Alfano, ha osservato che “al tavolo della giunta c’è soltanto l’assessore Bruno e nessun altro componente dell’esecutivo nè il sindaco che ha la delega al Bilancio per discutere lo strumento finanziario trasmesso al Consiglio con eccessivo ritardo”.  Subito dopo è stato il dirigente di ragioneria ad illustrare il bilancio affermando che “è stato elaborato nel quadro delle criticità finanziarie sia a livello regionale e nazionale che hanno introdotto delle penalizzazioni notevoli per le autonomie locali. In particolare – ha continuato il dirigente - si sono avute in questo esercizio delle riduzioni rispetto all’anno precedente pari al 11,76 per cento e le minori erogazioni da parte del Governo centrale hanno determinato una limitazione della spesa con un contenimento complessivo e sopratutto di quella corrente”. Per quanto riguarda alcuni aspetti dello strumento finanziario, il dirigente, ha sottolineato che “c’è stato un incremento dell’imposta sugli immobili grazie all’attività di accertamento ed una crescita, seppur limitata, delle entrate extratributarie”. Il bilancio evidenzia un pareggio contabile di 115 milioni di euro.

Subito dopo l’intervento del dirigente di ragioneria è stato il presidente del collegio dei revisori ad intervenire per sottolineare il mantenimento del patto di stabilità ma le “previsioni di spesa devono essere verificate ed adeguate alle entrare per rispettare l’equilibrio di  bilancio”. Su questo punto, il presidente del Consiglio comunale, Francesco Alfano, ha chiesto dei chiarimenti in ordine ad alcune previsioni di entrata ed in particolare ha rilevato come “le previsioni di incasso delle entrate, previste per 4 milioni e 500 mila euro per concessioni edilizie, a parere degli stessi revisori, sembrano di non facile realizzazione al fine di raggiungere l’obiettivo del patto di stabilità per equilibrare le spese con le entrate”. Il presidente del collegio ha evidenziato che gli uffici si sono apprestati e si apprestano affinché si raggiunga questo obiettivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento