menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Racalmuto Emilio Messana

Il sindaco di Racalmuto Emilio Messana

Il paradosso di Racalmuto, l'Opposizione diventa maggioranza: due nuovi assessori

Il sindaco Emilio Messana, scampato alla mozione di sfiducia, senza l'appoggio della lista Borsellino, in Consiglio, non avrebbe più avuto i numeri

L'Opposizione - entrando in Giunta - è ufficialmente maggioranza. Quella che una volta - e fino a qualche mese fa, prima della mozione di sfiducia, - era maggioranza s'è trasformata in minoranza. Ha dell'incredibile, ma a Racalmuto succede anche questo. "E' una giunta istituzionale che esprime la volontà politica" - ha scritto il sindaco di Racalmuto Emilio Messana poco dopo l'insediamento - . "Volontà politica di dare forza ed energia al governo della città".

Le new entry nell'Esecutivo - ma per i racalmutesi non è notizia nuova, visto che se ne parlava già da giorni - sono Giuseppe Sole e Valentina Zucchetto. Vanno a ricolmare l'assenza del mancante assessore - e da mesi ormai - Salvatore Manto e dell'uscente Paolo Alessi. Proprio Alessi si è dimesso nelle ultime ore. In realtà, nonostante sia rimasto al fianco del sindaco Messana nel momento della mozione di sfiducia, di fatto, nelle ultime ore sarebbe stato relegato, da Messana, in un angolino. E non avrebbe avuto altre possibilità se non, appunto, quella di dimettersi.

"Racalmuto viene prima degli equilibri tra le forze politiche - scrive Messana - . In un passaggio delicato e storico per il paese, la lista Borsellino (del candidato a sindaco Carmelo Borsellino ndr.) ha indicato una strada diversa. La politica si deve confrontare, unire e dividere sul merito delle scelte e non per il mero esercizio del potere, strumentale al rafforzamento di piccole cordate elettorali. In queste settimane - prosegue Messana - ci siamo incontrati, sindaco, Giunta, i consiglieri del partito Democratico e della lista Borsellino per seguire l'ordinaria amministrazione e per confrontarci sulle necessità del paese. Ho detto a chiare lettere che non posso e non voglio governare da solo o, peggio ancora, con un rapporto ambiguo, instabile ed incerto con il consiglio comunale".

Messana, del resto, senza l'appoggio della lista Borsellino, in Consiglio non avrebbe più avuto alcuna maggioranza. E dunque ha chiesto aiuto, e non sembra farne mistero, ai consiglieri comunali che non hanno votato la sua sfiducia: "Ai consiglieri comunali che hanno avuto fiducia nel ruolo delle istituzioni ho chiesto di impegnarsi direttamente, innervando con le loro idee, il loro entusiasmo i programmi e l'azione amministrativa. Non era scontato che ciò accadesse ed il tempo trascorso - scrive - è servito a valutare se sussistevano le condizioni per un percorso comune, che non poteva fondarsi sulla mera opposizione alla mozione di sfiducia. Il forte senso di responsabilità riscontrato in queste settimane unito al rispetto per le istituzioni e alla consapevolezza delle necessità del paese hanno aperto una prospettiva politica per assicurare un nuovo governo alla città".

"Ho ritenuto doveroso proporre alla lista Borsellino di collaborare direttamente nella Giunta - scrive Messana, la cui "sopravvivenza" come sindaco è stata determinata proprio dalla lista Borsellino - e favorire, in tal modo, il coinvolgimento delle competenze, delle professionalità e delle idee che il movimento cittadino rappresenta. La lista Borsellino ha indicato una delegazione composta dal consigliere Valentina Zucchetto e da Giuseppe Sole, due professionisti che seguiranno, rispettivamente, il settore economico e finanziario e quello dei lavori pubblici e dell'urbanistica".

"Alessi - conclude il sindaco riferendosi all'assessore uscente - è convinto di andare avanti per portare a termine le tante vertenze che al nostro insediamento erano ferme e che, ritengo anche e soprattutto grazie al suo impegno e alla sua professionalità, sono state avviate e si trovano in dirittura di arrivo. Continuerà a lavorare per consentire a tutti noi di fare bene e meglio, perchè la politica promuove se stessa e la propria immagine quando riesce a conquistare all'impegno civile giovani competenti, preparati ed appassionati come Paolo Alessi e Salvatore Manto. Si apre una nuova stagione, insieme ai consiglieri comunali Giuseppe Guagliano, Morena Mattina, Angelo Di Vita, Cinzia Leone, Ginetta Rizzo, Luigi Romano,agli assessori Giuseppe Sole, Salvatore Picone, Carmela Matteliano, Valentina Zucchetto agli ex assessori Salvatore Manto e Paolo Alessi". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento