menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Favara, il Consiglio comunale vota l'introduzione dell'addizionale Irpef

Il provvedimento aumenta le tasse ai cittadini, ma salva il Comune di Favara da un possibile dissesto finanziario grazie al recupero di circa un milione e quattrocentomila euro annui

Ieri sera il Consiglio comunale di Favara ha votato con 18 sì, 5 contrari e 2 astenuti l’introduzione dell’addizionale Irpef. Il provvedimento aumenta le tasse ai cittadini, ma salva il Comune di Favara da un possibile dissesto finanziario grazie al recupero di circa un milione e quattrocentomila euro annui.  L’opposizione in generale punta il dito contro l’amministrazione "perché non è stata capace in questo anno di progettare un piano di rientro di capitali (lotta all’evasione fiscale)  in modo da evitare l’ulteriore carico di tasse ai cittadini". 

 
Manganella dal suo canto si difende affermando che la crisi mondiale e i cospicui tagli ai finanziamenti dei Comuni operati da parte dalle Regione e dello Stato condizionano l’attività amministrativa. Il consigliere Grova, a nome dell'Udc, dichiara di astenersi nella votazione e si dimostra propositivo sui futuri tagli da operare. Il gruppo "Fare Favara", rappresentato da Giuseppe Bellavia, dichiara che voterà il provvedimento, pur non risparmiando critiche all’amministrazione in termini di progettualità. 
 
I consiglieri dell’Mpa Alaimo, Lupo e Limblici, oggi stabilmente all’opposizione, affermano che il loro slogan in campagna elettorale è stato "pagare meno per pagare tutti". "Abbiamo illuso i nostri elettori – dicono - col pretesto di pagare meno tasse, oggi il vero slogan dopo un anno di attività è più tasse e meno servizi per tutti". 
 
Il consigliere Castronovo del Pd dice che bisogna a malincuore votare questo aumento per salvare 350 famiglie che rischiano seriamente il posto di lavoro. Il consigliere Palumbo di Rifondazione comunista accusa la maggioranza di fare "terrorismo" sul discorso dei precari, strumentalizzandoli "per far votare un aumento di cui l’amministrazione attuale ne è responsabile". 
 
Inoltre il segretario provinciale di rifondazione propone ai consiglieri di maggioranza che voteranno il provvedimento di ridursi da 21 a 14 il tetto massimo di commissioni consiliari retribuite con il gettone di presenza per "dare un segnale ai favaresi che anche noi siamo disposti a fare sacrifici". Ad ogni modo, il sindaco ha più volte rimarcato che finché sarà lui il primo cittadino favarese "nessun padre di famiglia perderà il suo posto di lavoro".   
 
Dei 10 punti all’ordine del giorno, ne sono stati discussi 2. Per questo motivo  la seduta è aggiornata per oggi alle 18.30.
 
(pqc)
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento