Lunedì, 27 Settembre 2021
Eventi

Torna la grande musica alternativa: il prossimo weekend c'è il "FestiValle" tra l'area archeologica e la spiaggia

Un progetto diretto da Fausto Savatteri che, nonostante tutto, “resiste” per il secondo anno consecutivo ai tempi del Covid, proponendosi con una formula inevitabilmente adattata alla pandemia ma che di certo non tradisce la aspettative

La quinta edizione di “FestiValle” caratterizza il primo weekend del mese di agosto nella città dei templi: una delle rassegne musicali più attese, ormai consolidata da anni, che ha fatto delle sonorità sperimentali il suo elemento chiave. Un progetto diretto da Fausto Savatteri che, nonostante tutto, “resiste” per il secondo anno consecutivo ai tempi del Covid, proponendosi con una formula inevitabilmente adattata alla pandemia ma che di certo non tradisce la aspettative. 

Una delle rinunce più evidenti sarà l’allestimento di quel bellissimo palco in spiaggia che i cosiddetti “clubbers” - i frequentatori abituali delle discoteche di tendenza - non hanno di certo dimenticato: una sorta di “altare” dall’architettura iper moderna davanti al quale migliaia di corpi si muovevano al ritmo di musica elettronica proposta da numerosi dj’s che si alternavano in consolle. Ma per il resto i principali elementi ci saranno tutti: quattro giorni di musica a 360 gradi, dal 5 all’8 agosto, da vivere in maniera più “composta” ma assolutamente godibile.

Tra i protagonisti figura il percussionista Tullio De Piscopo che si esibirà domenica al tempio di Giunone. Non solo concerti ai templi ma anche l’appendice notturna - seppur privata della parte più dance, come detto per ovvii motivi - ma che proporrà in ogni caso le sonorità più ricercate sulla spiaggia di San Leone, negli spazi del lounge bar e ristorante OceanoMare.

Altri appuntamenti anche al Giardino della Kolymbethra. Quindi tre location in tutto: Kolymbethra, tempio di Giunone e Oceanomare, ognuna delle quali con una cifra sonora ben delineata. Si inizia giovedì 5 agosto alla Kolymbethra con Tommaso Cappellato e con l’unica tappa italiana di Alfredo Rodriguez al tempio. Venerdì 6 agosto, sempre al Giunone, sarà la volta del cantautore portoghese Salvador Sobral e del duo “Deb & Rose”. A mezzanotte, a Oceanomare, i “Mack” e i “Love Sick”. Sabato 7 agosto il collettivo londinese “Kokoroko” al tempio e, a seguire, ad Oceanomare, i “Fanfara Station”. Infine, domenica 8 agosto, l’unica tappa siciliana di Tullio De Piscopo al tempio. Poi, nella notte di Oceanomare, la folk band Selton e i “Cratere Centrale”.

“Per il secondo anno consecutivo - racconta il direttore artistico e ideatore del festival - abbiamo voluto dare un forte segnale di ripartenza e di positività. Nonostante le mille difficoltà abbiamo lavorato intensamente per assicurare una quinta edizione ricca di esclusive, artisti di spessore internazionale, che possa garantire a tutti un ambiente sicuro senza rinunciare al fascino della musica in un luogo unico e millenario. La quinta edizione si arricchisce inoltre di installazioni di digital art sviluppate in collaborazione con il Politecnico di Milano, Legno Master e Grriz e una selezione di esperienze turistiche da vivere per conoscere tutta la bellezza del territorio agrigentino”.

Per tutte le informazioni e le varie formule di acquisto dei biglietti basta visitare il sito ufficiale (www.festivalle.it).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna la grande musica alternativa: il prossimo weekend c'è il "FestiValle" tra l'area archeologica e la spiaggia

AgrigentoNotizie è in caricamento