rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Prospettive

Imprenditori che investono e turismo "mordi e fuggi", Filcams: "Serve un sistema per un'offerta corale"

Tour del camper dei diritti – “Turismo sotto sopra”: un momento di confronto su strada

L'ordinanza che regola le emissioni sonore dei pubblici esercizi e delle attività di svato, ma anche quella che vieta la balneazione - in alcuni casi per la sicurezza, in altri per inquinamento - in alcuni tratti, lunghi un totale di 7.215 metri, della costa. "Ma di quale turismo vogliamo far vivere Agrigento?" - chiede la federazione italiana lavoratori commercio turismo servizi della Cgil. 

"Nell'ultimo mese abbiamo assistito all'apertura di diverse realtà imprenditoriali, nuove o riqualificate, che hanno dato un contributo per un'immagine rinnovata del territorio e del litorale Agrigentino. Si guardi alla riserva naturale di Punta Bianca, un posto meraviglioso che oggi ha trovato valorizzazione ed investimenti, ma anche a tutti quei coraggiosi imprenditori che hanno investito sul turismo, in senso ampio, riqualificando luoghi abbandonati al barbaro e selvaggio degrado. È come se a questi imprenditori si dicesse: bravi, potete lavorare, ma non troppo - sostiene la Filcams di Agrigento, nella persona della segretaria generale Salvina Mangione, - . Siamo ancora convinti che la Valle dei Templi, la Scala dei Turchi, il teatro Pirandello, il nostro mare, possano da soli consolidare e mettere a frutto un sistema organizzato di turismo? Così continuando ad operare il nostro territorio è condannato ad un turismo 'mordi e fuggi', che non mette nessuno nella opportunità di vivere a tempo pieno e per 12 mesi l'anno dell'impresa che non ha consiglio di amministrazione. A poco servirà lo sforzo mediatico della Valle dei Templi, la promozione di eventi, a poco serviranno le candidature a premi della cultura, se non mettiamo a regime un sistema che tenga insieme tutto, nel pluralismo di idee diverse, ma nella dovuta rappresentazione di un progetto che sappia fare sintesi - viene aggiunto - . Il mondo del lavoro non può più aspettare che si trovi la bussola perché il mare è in tempesta. Il mondo del lavoro ha necessità di imprenditori coraggiosi che siano posti nella opportunità di una offerta turistica che sia di attrattiva, che dia respiro a quel polmone ammalato dell'economia territoriale. Ha bisogno di quelle imprese sane che riconoscano, nella propria opportunità di guadagno, legittimo e legale, un' adeguata risposta ai tanti giovani e meno giovani che vivono in questa terra e che offrono la loro professionalità, la propria voglia di crescita, la propria voglia di lavorare, e che qui vogliono rimanere!". 

Salvina Mangione annuncia, quindi, che anche ad Agrigento, vi sarà il tour del camper dei diritti – “Turismo sotto sopra”: un momento di confronto su strada. "Attraverseremo tutta la costa Agrigentina per informare le lavoratrici ed i lavoratori del settore che i diritti esistono" - ha concluso la segretaria generale della Filcams - .

La Segretaria Generale

Filcams CGIL Agrigento

Salvina Mangione

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditori che investono e turismo "mordi e fuggi", Filcams: "Serve un sistema per un'offerta corale"

AgrigentoNotizie è in caricamento