rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Economia

Trafficante (Unsic): "Contro il caporalato repressione e prevenzione"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Gli arresti di Ragusa per sfruttamento  del lavoro bracciantile di immigrati, violenze e sfruttamento della  prostituzione, confermano il dilagare del caporalato nelle campagne  siciliane. Episodi analoghi sono di poche settimane fa, mi riferisco a quelli di Agrigento e provincia e di Siracusa. E’ dunque una situazione grave che  può essere prevenuta  dall’attività amministrativa della  Regione cui spettano compiti ispettivi cui evidentemente non si  adempie per come si dovrebbe.  Così il consigliere esponente Sindacale dell`Unsic Territoriale Ribera Stefano Trafficante commenta i fermi di cinque romeni accusati  di caporalato, associazione a delinquere, traffico di esseri umani e  sfruttamento pluriaggravato della prostituzione, anche minorile.
“L’azione delle forze dell’ordine non può essere sufficiente –  aggiunge il Sindacalista,  alla repressione bisogna anche accompagnare misure di prevenzione, stringendo innanzitutto le maglie dei controlli”. 
Sarebbe il caso, alla luce dell’accaduto – conclude – che la Regione  non perdesse più tempo e si mobiliti per scongiurare tutto ciò.

rag. Trafficante Stefano 
Unsic Territoriale Ribera
Attività di assistenza Sindacale e fiscale a cittadini e imprese

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trafficante (Unsic): "Contro il caporalato repressione e prevenzione"

AgrigentoNotizie è in caricamento