rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Siculiana

Emergenza migranti, il "caso" di "Villa Sikania" su Rete 4

Il sindaco Leonardo Lauricella: "E’ un paese morto. Qui dopo le 20, le strade sono piene di extracomunitari”

Siculiana ed i migranti. Le telecamere del programma "Dalla vostra parte" di Rete 4, andata in onda ieri sera, hanno messo a fuoco l'emergenza, i disagi ed i malumori della cittadina Agrigentina. 

Le telecamere sono entrate anche dentro il grande hotel “Villa Sikania”, la struttura passata dall’essere un albergo utilizzato per i matrimoni e le cerimonie al più grande centro d'accoglienza per migranti della provincia di Agrigento. A schierarsi contro la struttura anche il sindaco Leonardo Lauricella, il quale rivendica ancora una volta la vocazione turistica della città che si scontra contro quello che accade a Siculiana: “E’ un paese morto – dice il primo cittadino – . Qui dopo le 20, le strade sono piene di migranti”.

La trasmissione ha messo in risalto anche il numero spropositato di migranti che oggi risiedono all’interno dell’ex albergo, il cui numero massimo previsto copre 99 posti, ma, di fatto, ospita più persone. Il giornalista del servizio, Michel Dessì, ha provato anche a contattare il proprietario dell’albergo che però non ha voluto rilasciare nessuna dichiarazione.

LEGGI ANCHE: Monta la protesta a Porto Empedocle 

Il tema dei migranti è quanto mai un tema caldo in questo momento per i paesi della provincia: sono infatti diversi i cittadini che protestano per la possibile nascita di nuovi centri di accoglienza per migranti. Tra tutti anche il paese di Porto Empedocle: i commercianti, nei giorni scorsi, hanno affisso anche dei manifesti contro un nuovo centro che starebbe per nascere a pochi metri dalla via Roma.

Anche la città di Agrigento è contro la possibile apertura di nuovi centri in via Giovanni XXIII.

LEGGI ANCHE: Comitato chiede la convocazione di un "tavolo"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza migranti, il "caso" di "Villa Sikania" su Rete 4

AgrigentoNotizie è in caricamento