Cronaca Sciacca

Uliveto raso al suolo, imprenditore nel mirino? Aperta un'inchiesta

Circa 40 gli arbusti, già carichi di frutto, che sono stati pesantemente danneggiati da qualcuno che ha agito senza essere visto, né sentito. Le indagini non si preannunciano semplici

Questa volta è accaduto nelle campagne della città Termale. Un altro uliveto – composto da circa 40 piante – è stato raso al suolo. A presentarsi dai carabinieri, per formalizzare la denuncia a carico di ignoti, è stato il proprietario: un imprenditore agricolo di 55 anni di Caltabellotta.

L’uomo ha riferito agli investigatori quanto aveva scoperto in contrada Nardore, in territorio di Sciacca appunto. Qualcuno - senza essere visto, né tantomeno sentito – è riuscito ad abbattere tutti gli alberi che già presentavano il proprio frutto in fase di maturazione. I militari dell’Arma hanno cercato di raccogliere elementi utili alle indagini per provare ad identificare il delinquente o i delinquenti che si sono accaniti contro gli arbusti.

Un danneggiamento che ha, di fatto, tutte le caratteristiche per essere ritenuto un’intimidazione. L’attività investigativa non si preannuncia – come sempre avviene in casi di questo genere, consumati in aperta campagna dove nessuna ha visto niente, – per affatto semplice. Ma i carabinieri non sembrano intenzionati a demordere. Appena qualche settimana addietro un danneggiamento analogo era stato messo a segno dall’altra parte della provincia: a Racalmuto. In quel precedente caso, furono circa 400 le piante di ulivo che, in contrada Fico Troiana, vennero recise.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uliveto raso al suolo, imprenditore nel mirino? Aperta un'inchiesta

AgrigentoNotizie è in caricamento