rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
L'intervento / Porto Empedocle

Incendiate le auto di coniugi empedoclini, aperta inchiesta: l'area è "coperta" da telecamere

Dell'inchiesta, per stabilire chi ha appiccato il fuoco alle macchine del pensionato di 82 anni e della moglie di 62 anni, si stanno occupando i carabinieri

Nessun dubbio. Non questa volta. Per i carabinieri – che si stanno occupando dell’attività investigativa -, l’incendio che ha avvolto e devastato le autovetture dei coniugi empedoclini è doloso. Un fascicolo d’inchiesta, a carico di ignoti, è stato aperto per l’ipotesi di reato di danneggiamento a seguito di incendio.

Erano le 4,49 quando, ieri, arrivava l’Sos alla sala operativa dei vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento. In via Carmina, a Porto Empedocle, c’erano due auto: una Fiat CinquecentoX e una Mercedes Ml in fiamme. I pompieri hanno lavorato fino alle 6,29 per circoscrivere prima e spegnere dopo le alte fiamme. A ruota, naturalmente, tutto è stato messo in sicurezza e assieme ai militari dell’Arma di Porto Empedocle, i pompieri si sono occupati dei cosiddetti rilievi tecnici di rito, ossia degli accertamenti per stabilire cosa effettivamente avesse innescato la scintilla iniziale. I carabinieri della città marinara avevano, nel frattempo, già identificato i proprietari delle due macchine, ossia un pensionato di 82 anni e la moglie di 62 anni.

I danni, provocati dall’incendio doloso, non sono risultati essere coperti da polizza assicurativa. I militari dell’Arma di Porto Empedocle, che sono coordinati dal comando compagnia di Agrigento, hanno appunto accertato la natura dolosa e hanno, immediatamente dopo, sentito – come procedura investigativa esige – i proprietari delle due vetture. L’area di via Carmina è risultata essere coperta da sistemi di videosorveglianza. Un dettaglio questo che verosimilmente sarà importantissimo per indirizzare, e fin da subito, le indagini. Ieri, per quasi l’intera giornata, i militari dell’Arma erano al lavoro proprio su questo “fronte”. Fitto è, inevitabilmente, né potrebbe essere altrimenti, il riserbo investigativo di investigatori e inquirenti che, appunto, non hanno lasciato trapelare neanche la più piccola indiscrezione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendiate le auto di coniugi empedoclini, aperta inchiesta: l'area è "coperta" da telecamere

AgrigentoNotizie è in caricamento