Mafia e immigrati, Patronaggio ai giovani: "Vivi a testa alta, avendo l’orgoglio di essere scomodo"

Il procuratore capo sulle colonne dell'Osservatorio Romano: "E' impopolare, in piena pandemia, dire agli italiani di essere accoglienti. Ma ci sono diritti che spettano sempre e in ogni momento"

Il procuratore capo Luigi Patronaggio

"Molti per diversi anni hanno detto che combattere la mafia 'non era affare loro' perché 'loro' la mafia non l’avevano mai vista. Ma quando un imprenditore deve pagare il 'pizzo' per lavorare, quando un giovane si deve inchinare per chiedere un lavoro, quando il credito legale ti viene negato e devi ricorrere all’usura, quando i nostri risparmi non sono sicuri perché gestiti dalla mafia della finanza, quando dobbiamo subire i veleni sciolti nell’ambiente dalle ecomafie, allora una scelta si impone: o ti ricordi di essere un uomo, con la dignità che Dio ha donato a ogni uomo, e vivi a testa alta nella società, avendo la coscienza ma anche l’orgoglio di essere scomodo, oppure ti fai pecora e difficilmente potrai guardare negli occhi i tuoi figli. Non sempre è facile confrontarsi con le virtù cristiane del cardinale Federigo Borromeo e molte volte appare più facile farsi don Abbondio, ma essere cristiano significa anche questo: trovare la fede e la forza dentro di sé". Il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, costantemente in prima linea nell’affermazione della legalità, ha parlato di mafia, immigrazione clandestina, di don Pino Puglisi e dell'incontro con papa Francesco, con l'Osservatore Romano.

Ai giovani, il procuratore Patronaggio ha detto - sempre attraverso il giornale di Città del Vaticano - che "non vi può essere affermazione della legalità senza la partecipazione attiva di tutti i cittadini. La mafia si sconfigge innanzitutto con la partecipazione attiva alla vita politica e sociale e con l’affermazione della cultura in tutti i modi in cui questa si declina".

Sui migranti, Patronaggio ha evidenziato come "oggi, in piena pandemia, veramente gli immigrati sono 'gli ultimi degli ultimi'. Mi rendo conto che in un momento in cui gli italiani stanno affrontando una crisi sanitaria ed economica senza precedenti chiedere loro di essere accoglienti è veramente difficile e impopolare. E tuttavia ci sono diritti che spettano, sempre e in ogni momento, a qualsiasi essere umano e mi riferisco al diritto alla vita, alla libertà e alla salute. È compito della politica trovare la giusta soluzione al non facile problema dell’immigrazione, all’interno di un quadro normativo nazionale ed internazionale ispirato alla solidarietà, e con i limiti dettati dalle concrete possibilità economiche di ogni Stato. Ma per i giovani, per i volontari, per i cattolici impegnati in politica, l’investimento deve essere nella carità: carità profonda e senza fine".

Patronaggio - sempre su l'Osservatore Romano - ha anche ricordato l'incontro - avvenuto il 15 settembre del 2018, giorno del venticinquesimo anniversario del martirio di don Pino Puglisi, - con papa Francesco: "Ho avuto la fortuna di incontrare il Santo Padre in un momento di difficoltà professionale, in un momento in cui avevo ricevuto pesanti attacchi per alcune indagini che avevo svolto in materia di tutela dei migranti. Mi è bastato stringere la mano di Papa Francesco e ricevere il suo sorriso, per avere la certezza morale di avere fatto la cosa giusta, di avere agito secondo coscienza e comunque pur sempre nel pieno rispetto del diritto positivo nazionale e internazionale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento